Cronaca Vittoria 10/01/2014 08:30 Notizia letta: 8405 volte

Antidroga, dodici arresti a Vittoria

Indagini della Dda
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-01-2014/antidroga-dodici-arresti-a-vittoria-500.jpg

Vittoria - Il forte rumore di un elicottero che volava a bassa quota ha svegliato stamani all’alba i cittadini di Vittoria e Scoglitti.

Si trattava dei mezzi aerei in dotazione ai Carabinieri, impegnati nell’operazione antidroga denominata “Dual band” che ha visto in campo anche le unità cinofile. Già poche ore dopo, in città, non si parlava d’altro e tutti attendevano i particolari. Tutte le notizie sono state diffuse, in mattinata, nel corso della conferenza stampa organizzata questa mattina nella sala briefing del Comando Provinciale di Ragusa: narcotrafficanti algerini e tunisini, tutti senza fissa dimora, si erano organizzati due bande che agivano agli ordini di organizzazioni malavitose palermitane. I due gruppi gestivano  un vasto giro di spaccio di cocaina e hashish nell’ipparino.

Le manette, su ordine della DDA di Catania, sono scattate in flagranza  per 5 componenti della banda, mentre altri 7 sono destinatari di ordinanze di custodia cautelare in carcere e ricercati anche all’estero. Per tutti l’accusa è di associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico di cocaina e hashish. Con il blitz di stamani i Carabinieri hanno smantellato un’organizzazione criminale con basi operative a Vittoria e Scoglitti, da dove si partiva più volte durante la settimana con destinazione Palermo. Qui i soggetti coinvolti si rifornivano della droga.  Le operazioni di compravendita della sostanza stupefacente avvenivano con messaggi cifrati e telefonate criptate che hanno reso complesso il lavoro di indagine degli inquirenti, iniziato nell’ottobre del 2011.

Lo stupefacente era custodito in un’autofficina intestata ad un meccanico, componente di una delle due bande, mentre lo spaccio avveniva nei pressi di bar e luoghi di ritrovo vicini al mercato ortofrutticolo di Fanello e della strada per Acate, dove convergevano tossicodipendenti provenienti dal ragusano, dal nisseno, dal catanese e dal calatino. Le due bande, insomma, avevano messo in piedi un giro piuttosto largo di clienti che si spartivano senza entrare in competizione tra loro e senza alcuna preoccupazione, naturalmente fino all’intervento odierno dei Carabinieri.

 

Nadia d'Amato
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg