Attualità Modica 11/01/2014 13:58 Notizia letta: 2139 volte

Abbate paga straordinari a suo staff, ma non a ufficio turistico

L’accusa del consigliere Tato Cavallino
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-01-2014/1396118251-abbate-paga-straordinari-a-suo-staff-ma-non-a-ufficio-turistico.jpg&size=591x500c0

Modica - “Il sindaco paga consistenti straordinari al suo staff, ma manca di farlo anche per il personale dell’ufficio turistico, perché nei festivi possa svolgere il suo ruolo di riferimento per i turisti”. Il consigliere Tato Cavallino, citando due delibere di poco più di 12mila euro a luglio e poco più di 19mila a ottobre, storce il naso denunciando che l’ufficio turistico è rimasto chiuso nei giorni di festa e così accade nelle domeniche, malgrado sia maggiore il flusso di visitatori e turisti.

E se la prende ancora di più perché “se nel corso della precedente Amministrazione non si è potuto offrire il servizio in modo puntuale per chiara mancanza di soldi – dice -  in quest’Amministrazione “i soldi ci sono” e vengono spesi”.

Il disservizio denunciato fa parte di una black list stilata dal consigliere che auspica che in città si riesca a investire sul turismo “con programmazione e saggezza”. “Il sindaco e l’assessore al ramo hanno dato prova di essere superficiali pensando ai fasti, peraltro ben costosi – dice Cavallino con riferimento agli addobbi e alle manifestazioni del periodo natalizio - senza efficacemente permettere di ottenere un reale ritorno agli investimenti di queste settimane, in quanto mancavano i servizi”.

Della black list fanno parte  anche le chiese visitabili solo fino alle 13, malgrado un incontro tra sindaco e vescovo per risolvere il disagio, un mancato raccordo tra ristoranti e bar del centro storico per aprire quanto meno a turni sì da non fare diventare “un’avventura” la ricerca di un locale per pranzare. “Una delle prerogative del Consorzio turistico è il raccordo con l’Amministrazione per proporre e migliorare i servizi turistici – commenta il consigliere -. Cosa non ha funzionato?”. E chiusi erano pure i bagni durante le feste. “Questo disservizio – chiede ironicamente Cavallino - è stato causato dall’impossibilità di trovare il vestito caratteristico per il custode? Ci saremmo accontentati di un custode anche in tuta da ginnastica”.

“Modica ha la grande fortuna di richiamare da sola turisti e visitatori perché ha un patrimonio artistico-monumentale e naturale noto oltre i confini. Il compito dell’Amministrazione però – conclude Cavallino - è quello di creare le condizioni per un’eccellente accoglienza e per fidelizzare il turista”.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg