Cronaca Ragusa 11/01/2014 14:43 Notizia letta: 5219 volte

Arrestato Franco Mormina

Deve rispondere di diversi reati
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-01-2014/1396118250-arrestato-franco-mormina.jpg&size=381x500c0

Ragusa - Gli uomini della Squadra Mobile della Polizia di Stato, hanno ricevuto ieri pomeriggio un ordine di carcerazione, dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania, da eseguire a carico di Franco Mormina, ragusano di 35 anni, in poche ore di ricerca il soggetto è stato condotto in carcere. La Polizia di Stato da anni conosce Mormina, Sorvegliato Speciale di Pubblica Sicurezza, in quanto pluripregiudicato, arrestato in più occasioni per reati contro il patrimonio e contro la persona, difatti a seguito di numerose segnalazioni alla Procura della Repubblica, ieri, è stato emesso un ordine di esecuzione per la carcerazione dalla Procura Generale della Repubblica di Catania poiché, tra gli altri reati commessi, ha violato più volte le prescrizioni imposte dalla Sorveglianza Speciale, misura di prevenzione emessa dal Questore di Ragusa molto tempo addietro e che il soggetto non rispettava in alcun modo. Ieri sera, intorno alle 23.30 i Poliziotti della Squadra Mobile si sono appostati sotto casa mentre stava uscendo, violando per l’ennesima volta la prescrizione di dover rimanere in casa nelle ore notturne. L’uomo alla vista degli Agenti di Polizia ha capito subito che a suo carico era stato emesso un provvedimento di cattura, difatti ha chiesto di poter fare i bagagli e si è arreso al suo destino.
Condotto presso la Questura di Ragusa, è stato sottoposto ai rilievi della Polizia Scientifica e condotto successivamente presso il carcere di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La Polizia di Stato rimane sempre vigile sui soggetti che decidono di far diventare il crimine la loro attività professionale, difatti un altro pluripregiudicato è stato associato all’Istituto Penitenziario per scontare la pena a lui inflittagli, essendo questi pericoloso per la società e con molta probabilità avrebbe potuto reiterare il reato.

Redazione