Cronaca Pozzallo 13/01/2014 11:02 Notizia letta: 2726 volte

Barca in panne, pescatore rischia assideramento, soccorso

Tratto in salvo dai carabinieri
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-01-2014/1396118243-barca-in-panne-pescatore-rischia-assideramento-soccorso.jpg&size=374x500c0

Pozzallo - Lo scorso sabato pomeriggio, i Carabinieri della Motovedetta cc 813 di Pozzallo, nel corso dell’attività di controllo della fascia costiera, a bordo del nuovo gommone in dotazione, hanno soccorso un’imbarcazione che si trovava in difficoltà, in balia del mare agitato, sullo specchio d’acqua antistante la spiaggia in località “pietra spaccata”.

In particolare, poco prima, il natante da pesca, con a bordo un uomo pozzallese classe ’53, rimaneva incagliato con l’elica ad una rete da pesca sommersa a causa della quale il motore andava in avaria.

L’imbarcazione, senza ormai nessun controllo, in balia delle onde, si spiaggiava rovinosamente sul litorale del comune di Pozzallo, località “pietra spaccata”.

I Carabinieri, a bordo del gommone in dotazione e in servizio di controllo della fascia costiera, hanno immediatamente notato l’imbarcazione in difficoltà e pertanto si avvicinavano per intraprendere le operazioni di soccorso e recupero.

In quel momento, i militari dell’Arma notavano il pescatore in acqua che, stremato fisicamente, cercava invano di disincagliare il proprio natante.

Senza perdere tempo i Carabinieri portavano a bordo del proprio gommone il pescatore completamente bagnato ed a rischio ipotermia e, successivamente, con la cima da rimorchio, trascinavano l’imbarcazione da pesca in acque più profonde, fino all’interno del porto di Pozzallo.

L’uomo, una volta messo in salvo a bordo del gommone, veniva rifocillato e fornito, da parte dei Carabinieri, di giubbotto termico in dotazione per contrastare il rischio di ipotermia.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif

Al termine delle operazioni di recupero, i militari dell’Arma trainavano l’imbarcazione soccorsa fino all’interno del porto di Pozzallo dove completavano le cure all’uomo e provvedevano a ripristinare l’efficienza del natante da pesca.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif