Attualità Roma

L’on. Minardo: meno crediti formativi per gli ordini professionali

Troppi corsi

Roma - Il decreto-legge n° 138 del 2011, ha dettato una serie specifica di principi cui gli ordinamenti professionali devono uniformarsi. Tra questi principi vi è l’ obbligo per il professionista di seguire percorsi di formazione permanente. Su questo argomento il parlamentare nazionale del Nuovo Centrodestra, on. Nino Minardo, ha presentato un’interrogazione in cui chiede al Governo di rivedere la disciplina dei crediti formativi considerando  la possibilità di prevedere un numero minore di crediti obbligatori.

E’ certamente vero, sottolinea l’on. Minardo, che la formazione obbligatoria continua per i professionisti iscritti agli ordini e collegi, assume un ruolo di garanzia per la collettività in quanto l’aggiornamento delle proprie competenze professionali è imprescindibile ed essenziale, ma appare, altresì, una misura eccessiva quella che  prevede la violazione dell’ obbligo di formazione continua come un  illecito disciplinare mentre finora i singoli ordini si limitavano a sanzioni indirette; ed è senza dubbio, molto difficoltoso raggiungere i crediti richiesti per tutti i professionisti per cui è obbligatoria la formazione professionale, così come appare non congrua la contestazione dell’illecito disciplinare in caso di mancanza di rispetto dei crediti formativi.

Per questi motivi l’on. Nino Minardo, ha chiesto anche al Governo di valutare una forma agevolativa  di conseguimento dei crediti formativi per i liberi professionisti e di rivedere il meccanismo della sanzione disciplinare per coloro che non raggiungano il minimo di crediti formativi obbligatori.    

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif