Attualità Comiso 14/01/2014 20:18 Notizia letta: 4842 volte

L’ultimo saluto a Nunzio Lo Magno

Celebrati i funerali
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/14-01-2014/1396118223-lultimo-saluto-a-nunzio-lo-magno.jpg&size=667x500c0

Comiso - Una città silenziosa, chiusa nel dolore di una famiglia ha reso l’ultimo saluto a Nunzio Lo Magno. Il giovane 45nne comisano  tragicamente morto in un incidente stradale. Una perdita inaspettata in una domenica uggiosa. I funerali di Lo Magno sono stati celebrati oggi pomeriggio, alle 15.30, presso la basilica di Maria SS. Annunziata, parrocchia a cui il giovane apparteneva. Il corteo funebre è partito da via Principe di Carignano n. 35, edificio dove viveva e dove era probabilmente cresciuto. A dare il triste annuncio i familiari del congiunto, i quali hanno ringraziato quanti hanno voluto rendere l’ultimo saluto al povero Nunzio. Nunzio Lo Magno ha terminato l’ultima corsa della sua breve  vita in sella alla sua grossa moto da corsa, una Suzuki R1000, sull’asfalto della Sp.7 che collega Comiso  alla città di Chiaramonte  Gulfi.  È deceduto domenica pomeriggio al “Cannizzaro” di Catania dove era stato trasportato d’urgenza in elisoccorso. Il sinistro mortale è avvenuto domenica scorsa  intorno alle 10.30 , in Contrada Pezze, nei pressi del cosiddetto “Villaggio Gulfi”, ai piedi della città pedemontana. Lo schianto con la vettura, una Citroen Saxo, guidata da una donna chiaramontana, è stato fatale per il 45enne. Le gravissime ferite riportate non hanno permesso ai sanitari dell’ospedale catanese di salvargli la vita. La salma del giovane ha fatto ritorno nella sua città natale nella mattinata di ieri. Ad accompagnarlo in quel terribile ed estenuante tragitto i familiari. Nunzio Lo Magno è il  più piccolo dei fratelli:  lascia due sorelle gemelle, Anna e Lucia ed un fratello, Salvatore. Quest’ultimo, il maggiore tra tutti, lavorava all'ex base. Adesso non vive a Comiso. La sorella Anna, invece, da anni risiede in America, mentre Lucia abita a Comiso.  Della vita privata del povero Nunzio si sa ben poco. Di certo era scapolo e  viveva da solo nella propria casa di via Principe Carignano, una traversa di Corso Vittorio Emanuele, poco distante dalla basilica di Maria SS. Annunziata. Pare svolgesse lavoretti saltuari come elettricista, ma non lavorava per nessuna azienda.

Nunzio Lo Magno era un giovane tranquillo con la passione per le moto. Molto più noto, invece, il padre morto da diversi anni. In tanti lo ricordano come un noto merciaio: era titolare, infatti, di una nota merceria sita in corso Ho Chi Min. La madre, che abitava presso la figlia Lucia, era morta da poco tempo. Una famiglia già toccata dal dolore: molti anni fa con la perdita del padre, poi con la perdita della madre e adesso con la scomparsa del fratello minore. La morte del 45enne comisano insieme a quelle del 32enne di Vittoria, che risiedeva da anni a Niscemi, sono  i primi due sinistri mortali del nuovo anno. I luoghi incriminati sono già noti: nel primo caso la strada che collega Comiso a Chiaramonte, spesso teatro di terribili incidenti; nel secondo caso, sulla Ragusa-Catania, all’altezza di Caltagirone. Arteria molto trafficata, dove negli anni sono avvenuti incidenti di diversa gravità, tra cui parecchi sinistri mortali.  

Giovanna Cascone
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg