Cronaca Vittoria 14/01/2014 13:10 Notizia letta: 7535 volte

Rumeni rubano vestiti da donna, indossandoli

Ingegno
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/14-01-2014/rumeni-rubano-vestiti-da-donna-indossandoli-500.jpg

Vittoria - Avevano architettato un piano piuttosto ingegnoso, nella sua semplicità, per riuscire a rubare quanta più merce possibile nascondendola sotto i vestiti, ma l'accortezza del personale del supermercato preso di mira e la solerzia degli agenti del locale Commissariato di Polizia hanno fatto sfumare il loro obiettivo. Protagonisti due romeni di che, sotto i loro normali abiti, indossavano dei costumi femminili, interi, da donna. In questo modo erano riusciti a trafugare molta merce, che rimaneva bloccata sul corpo  dall'elasticità del tessuto del costume. Il loro colpo, evidentemente, era stato ben preparato e non è escluso che questa tecnica sia già stata usata in altri esercizi commerciali.

Tutto è avvenuto sabato pomeriggio quando personale della sezione Volanti del Commissariato è intervenuto al “Penny Market”, che ha sede sulla SS115, all'altezza dell'incrocio con la Sp5, dove era stato segnalato un furto appena consumato da parte di alcuni rumeni. Sul posto, pochi istanti dopo, è arrivata la Volante. I due erano in procinto di lasciare il supermercato ed avevano già superato le casse. In manette è finito Marius Colceag, 30 anni, in Italia senza fissa dimora, con precedenti per furto aggravato ed evasione; l'altro romeno, D.M.V., è stato  invece denunciato in stato  di libertà per lo stesso reato, in quanto privo di precedenti penali.

Perquisiti, i due romeni sono stati trovati in possesso di 6 lattine di Red Bull, 8 forme di formaggio Grana Padano, 2 forme di formaggio Asiago e 2 birre in lattina, il tutto per un valore complessivo di 120 euro.

Su disposizione del Pubblico Ministero di turno, il sostituto procuratore Monica Monego, l'arrestato, al termine degli adempimenti di rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Ragusa, dove resterà in attesa dell' Udienza di Convalida e dell' eventuale Giudizio Direttissimo. 

Nadia d'Amato