Attualità Ragusa 22/01/2014 19:01 Notizia letta: 1626 volte

A Ibla la segnaletica turistica abusiva

Parla il consigliere Giorgio Mirabella
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-01-2014/a-ibla-la-segnaletica-turistica-abusiva-500.jpg

Ragusa - “Si è reso necessario e non derogabile la convocazione della sesta commissione, che presiedo, per compiere un report, quanto più aggiornato possibile sul regolamento che disciplina la segnaletica e mette in evidenza la cartellonistica abusiva. L'organismo è stato convocato per venerdi 24 gennaio alle ore 10 nella sala delle commissioni consiliari al Comune di Ragusa. Alla presenza dell'assessore al ramo, Massimo Iannucci, e del comandante della polizia municipale, Giuseppe Puglisi, è intendimento dell'organismo sviscerare le punte di forza e le manchevolezze del regolamento oggi esistente. Se da una parte è opportuno rivedere il regolamento anche alla luce del finanziamento che a breve sarà erogato al Comune in materia di cartellonistica turistica, è oltremodo necessario verificare in che modo procede la regolamentazione della pianificazione per quanto riguarda la cartellonistica pubblicitaria, e compiere un monitoraggio rispetto gli impianti che sono a norma di legge. Per quanto riguarda la cartellonistica turistica, è intendimento della commissione fornire indicazioni e interventi volti a migliorarla per mettere maggiormente in evidenza percorsi turistici e siti da visitare, aggiungendo ulteriori tabelle in punti, ritenuti strategici in città, che magari non sono adeguatamente provvisti. Sull'altra questione, invece, proprio per garantire trasparenza ed equità di trattamento a tutte le aziende che si occupano di cartellonistica, andrebbe riproposto un servizio di attento monitoraggio come quello compiuto qualche anno fa dal comando della polizia locale, proprio per mappare il territorio e poi assumere, laddove ritenuto necessario, interventi, che invitino quanti non solo in regola ad adeguarsi all'attuale regolamento. Sarebbe poi oltremodo necessario, metter mano anche allo stesso regolamento, magari per apportare migliorie laddove risulta lacunoso”.

Redazione