Attualità Ragusa 27/01/2014 10:00 Notizia letta: 2534 volte

Dal 2009 la videosorveglianza inesistente, pagata a suon di quattrini. Fastweb replica

Isole iblee: “Oltre al danno subiamo pure la beffa”
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-01-2014/1396118104-dal-2009-la-videosorveglianza-inesistente-pagata-a-suon-di-quattrini-fastweb-replica.jpg&size=667x500c0

Ragusa - Le imprese della zona industriale di Ragusa vittime di un incredibile paradosso. E’ quello che ha fatto emergere il parco commerciale “Isole Iblee” dopo un’attenta disamina degli atti di cui il Consiglio di amministrazione è venuto in possesso. Nel mirino l’impianto di telesorveglianza di cui, già in passato, il parco commerciale si era occupato. Ora, però, la goccia che fa traboccare il vaso. Ecco i fatti. Lo scorso 9 dicembre parte, dalla Provincia regionale di Ragusa, un bonifico dell’ammontare di 37.510,96 euro verso la filiale della Deutsche bank di corso Sempione 77 a Milano con beneficiaria la società Fatsweb. E’ la motivazione a lasciare letteralmente esterrefatti i soci di Isole iblee: “Liquidazione e pagamento a Fastweb per il controllo delle telecamere di videosorveglianza installate nella zona Asi di Ragusa”. Come se non bastasse, lo stupore si centuplica dopo avere letto, nell’atto di liquidazione emesso dalla Provincia, che tale contratto è stato stipulato addirittura nel novembre 2009. “Questo vuol dire – afferma il presidente del parco commerciale, Gianni Corallo – che da un lato ci sono le aziende dell’area letteralmente massacrate dalla criminalità, peraltro in un periodo di crisi, tanto da subire, negli ultimi quattro anni, danni stimati per oltre 1,2 milioni di euro mentre oltre cento sono state le attività criminose perpetrate (basti pensare che un’azienda del settore “food” è stata presa di mira per ben quattro volte), mentre dall’altro la Provincia regionale, e dal 2009, ha scrupolosamente corrisposto a Fastweb i servizi di connessione per monitorare e registrare le immagini di un impianto che non ha mai funzionato e che non è ancora in esercizio”. Il 17 dicembre scorso, “Isole Iblee” chiede al commissario straordinario Ap, Giovanni Scarso, quale legale rappresentante dell’ente, di revocare immediatamente il bonifico appena emesso considerato che i servizi non sono mai stati erogati e che l’impianto non è mai entrato in funzione. “Nella stessa notifica – aggiunge Corallo – chiedevamo al commissario, in base alla legge 241/90, quella sulla trasparenza, di potere accedere agli atti chiedendo anche una copia del contratto sottoscritto nel 2009 con la Fastweb per l’erogazione di tali servizi. Prima di avere riscontro attendiamo un mese e il 16 gennaio scorso l’ente ci fa recapitare i documenti richiesti in cui si chiarisce che l’attivazione era necessaria per collaudare l’impianto. Aggiungiamo che il collaudo tecnico dell’infrastruttura è avvenuto il 14 giugno del 2011. Chiediamo un incontro urgente con il nuovo commissario, Carmela Floreno, per ottenere ragguagli al riguardo e per mettere sul tavolo ulteriori problematiche quali il mancato utilizzo dei fondi ex Insicem riguardanti i benefici alle aziende che si propongono verso il mercato estero. Nel tempo si è rimasti incapaci di erogare queste liquidità presenti nelle disponibilità della Provincia regionale da oltre 10 anni. Venerdì scorso il commissario Floreno ha preso atto con attenzione delle nostre istanze, acquisendo da parte del nostro consorzio ogni elemento utile a capire, soffermandosi a chiedere anche i più piccoli dettagli di ogni singola questione che le abbiamo sottoposto. Abbiamo avuto la percezione di una persona che, oltre ad avere un altissimo senso dello Stato e della Giustizia, possiede una tempra forte ed energica per il governo di un ente che, a maggior ragione in questa fase storica, necessita di tali qualità”.

La replica di Fastweb

Anna Lo Iacono: "Con riferimento all’articolo pubblicato oggi dal vostro giornale web e intitolato “Dal 2009 la videosorveglianza inesistente, pagata a suon di quattrini”, FASTWEB fa presente che la società ha realizzato esclusivamente alcune linee dati che servivano a fornire la connettività a supporto del sistema di videosorveglianza della Provincia Regionale di Ragusa. FASTWEB non è mai stata incaricata dalla Provincia né della fornitura né della manutenzione del sistema di videosorveglianza".

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg