Attualità Ragusa 30/01/2014 22:46 Notizia letta: 2195 volte

L’on. Dipasquale: Ho recuperato i soldi europei per Ragusa

Programmazione 2014-2020
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/30-01-2014/1396118076-lon-dipasquale-ho-recuperato-i-soldi-europei-per-ragusa.jpg&size=597x500c0

Ragusa - Il territorio  della città di Ragusa sarà inserito all’interno delle misure speciali per la futura programmazione del Psr 2014-2020. Attraverso il ricalcolo dei parametri, l’area ragusana potrà essere ammessa ai fondi europei destinati all’attività agrituristica e di recupero dell’edilizia rurale. Prima, nella precedente programmazione 2007-2013, approvata nel 2008, la città di Ragusa era stata esclusa utilizzando alcuni criteri che erano stati previsti dal Ministero ma a cui il Governo regionale di allora non si era opposto. Ciò aveva provocato l’esclusione di Ragusa, area fortemente vocata all’agricoltura e alla zootecnia, da alcune misure del Psr che erano di particolare rilevanza e di cui hanno potuto approfittare i territori limitrofi. L’on. Nello Dipasquale, anche alla luce del dibattito emerso ieri in Commissione parlamentare Attività Produttive, ha incontrato stamani i responsabili del dipartimento preposto ottenendo l’utilizzo di nuovi criteri che permetteranno anche al territorio di Ragusa di accedere alle provvidenze previste dalla nuova programmazione del Psr. “Era una battaglia che finora nessuno aveva pensato di portare avanti fino in fondo – spiega l’on. Dipasquale – Avevamo subito una grande ingiustizia durante la precedente programmazione. Se Ragusa non è un Comune rurale, allora in Sicilia nessun’altro Comune lo è. C’è adesso l’impegno a rivedere i parametri e i criteri utilizzati in modo da consentire alle imprese ragusane di poter accedere a queste importanti risorse che serviranno a diversificare la produzione”. In precedenza non era stata tenuta in considerazione la reale caratteristica dei vari territori come nel caso di Ragusa, la cui area è stata considerata territorio urbanizzato, in cui il peso del lavoro agricolo era stato considerato significativamente inferiore rispetto ad altre aree e in cui la densità demografica media è elevata. “Eppure bastava farsi un giro nelle campagne iblee che circondano la città per rendersi conto che nell’altipiano vi sono innumerevoli aziende zootecniche della stessa tipologia, ad esempio, del vicino territorio di Modica – rileva Dipasquale - Si sono verificati casi in cui, ad esempio a San Giacomo, non è stato possibile accedere ai fondi europei per la realizzazione di impianti fotovoltaici attraverso la misura 311/B, mentre a Frigintini, ricadente nel Comune di Modica e divisa da San Giacomo da una strada, è stato possibile intervenire utilizzando la stessa misura. Insomma un paradosso che adesso verrà eliminato riconsiderando tutti i parametri più utili, dall’età della popolazione residente all’incidenza degli occupati all’interno delle aziende zootecniche, oltre al fatto nuovo rappresentato dall’adozione del piano paesistico che cambierà nel corso dei decenni l’organizzazione agricola aziendale del territorio ibleo”.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif