Attualità Modica 02/02/2014 15:22 Notizia letta: 2372 volte

Cimitero di Modica, i dubbi sulla legittimità della convenzione

Un dibattito pubblico
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-02-2014/cimitero-di-modica-i-dubbi-sulla-legittimita-della-convenzione-500.jpg

Modica - “La convenzione stipulata tra la precedente Amministrazione comunale e la Scm per la gestione del cimitero è legittima?”. È il dubbio sollevato nell’assemblea svoltasi ieri all’auditorium Floridia su organizzazione del Comitato cittadino per la Vigilanza della gestione del cimitero. L’acconto del 50% richiesto dalla Scm per l’acquisto dei loculi, i costi ritenuti esosi dei loculi e la mancanza di guadagni per il Comune dai proventi incassati dalla ditta concessionaria sono i temi più “spinosi” affrontati nell’incontro.

Il Comitato ha chiesto già il 7 dicembre agli uffici comunali preposti di acquisire la documentazione allegata alla convenzione che è al vaglio degli avv.ti Mario Caruso, Carmelo Ruta e Manenti che hanno individuato dei punti contestabili. Malgrado sia trascorso del tempo, la documentazione non è ancora stata consegnata dall’Utc.

“Abbiamo riscontrato delle clausole contrarie alla legge – dice l’avv. Caruso -. In primis il fatto che il collaudatore è scelto dal concessionario e non dal Comune. In pratica controllore e controllato coincidono. Suona strano anche che in caso di fine rapporto il Comune dovrà pagare alla ditta le opere al valore previsto dalla convenzione, ossia al prezzo che pagano i privati, altrimenti è prevista una proroga della concessione finchè non si venderanno i loculi. E se nel frattempo si costruirà si comprende bene come la storia sia infinita. Salta all’occhio poi che, in caso di risoluzione del contratto per inadempienza del Comune – prosegue il legale – l’Ente dovrà pagare una penale del 10% del totale delle opere, laddove la legge regionale prevede il 10% delle opere residue. Grave, poi, che la ditta per crediti possa prevedere la procedura esattoriale con interessi moratori altissimi”.

Alcuni cittadini hanno lamentato un aumento del costo del loculi. “In 2 anni – dice Carmelo Sammito, presidente del Comitato cittadino per la vigilanza sulla gestione del cimitero – il costo è passato da 1.400-1.500 euro a 2.400. Abbiamo chiesto gli atti amministrativi e non si comprende come, a distanza di tempo, ancora non ci siano stati consegnati. E si aggiunge al nostro il sollecito del sindaco. I problemi sollevati sono parecchi. Basti pensare che nel 1990 alcuni cittadini hanno acquistato loculi che oggi non sono utilizzabili in quanto considerati abusivi, e per questo hanno dovuto fare ricorso a un nuovo acquisto”.

Tra gli interventi, Vito D’Antona (Sel) ha sollevato dubbi sulla richiesta di anticipo del 50% del costo definitivo del loculo, Salvatore Rando (Comitato via Loreto) e Giorgio Iabichella (Cittadini liberi) hanno sottolineato come “non si tratti di una lotta contro il privato, ma di volere una gestione trasparente. Se prevarrà il buonsenso – dicono – potranno essere apportate modifiche alla convenzione”. Il consigliere Massimo Puccia ha ribadito il suo no alla privatizzazione dicendosi anche perplesso riguardo al movimento di terra e roccia dinanzi al camposanto.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg