Cronaca Ragusa 03/02/2014 14:40 Notizia letta: 3772 volte

Cesaroni ragusani, lite in una famiglia allargata, sedata dalla Polizia

Un posto sul divano
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-02-2014/cesaroni-ragusani-lite-in-una-famiglia-allargata-sedata-dalla-polizia-500.jpg

Ragusa - Il triangolo no. Non lo aveva considerato, l'uomo che è andato in escandescenze quando ha saputo che lei voleva ospitare l'altro. Sul divano. 

Nella serata di venerdì la Polizia di Ragusa è intervenuta in via Marconi ove era stato chiesto ausilio, con una telefonata giunta al 113, per una lite in corso presso una famiglia del luogo.  

Tempestivamente la Volante giunta sul luogo indicato ha contattato la donna, la medesima che aveva richiesto l’intervento della Polizia a causa dell’atteggiamento fortemente minaccioso ed alterato del compagno della stessa da cui ne era esplosa una lite, anche alla presenza della figlioletta di lei, nata da un precedente matrimonio con un uomo tunisino.   Sedati gli animi, l’uomo ha riferito che in effetti la lite era esplosa per “futili motivi” di gelosia che lo stesso nutriva nei confronti della compagna, con la quale da anni condivideva il menage familiare, gelosia scaturita appresa la notizia che la signora pretendeva di ospitare per la notte l’attuale “fidanzato” sotto lo stesso tetto ed alla presenza della figlia, riservando comunque all’attuale compagno un posto sul divano.   Alla luce di ciò, irrefrenabile la rabbia dell’uomo nei confronti della donna, a cui aveva rivolto frasi ingiuriose e minacciose, considerato anche che – egli stesso riferiva – madre e figlia erano totalmente a suo carico, soprattutto economico, provvedendo il medesimo a pagare l’affitto della casa adibita ad abitazione ed al mantenimento di tutti i bisogni non solo primari della compagna e della figlia acquisita.     I poliziotti sono stati costretti altresì a richiedere intervento di un’ambulanza del 118 per il malore dovuto allo stato di alterazione psico-fisica accusato dal compagno della donna, che di li a poco è stato trasferito d’urgenza presso il Pronto Soccorso del locale nosocomio.     Considerati i fatti, la donna è stata invitata ad allontanarsi temporaneamente dall’abitazione di via Marconi, cosa che faceva insieme alla figlia ma non senza il “ritrovato” fidanzato col quale concertava di trascorrere la notte presso altra dimora.

Con l’occasione, la Polizia di Stato invita le vittime di violenza, non solo fisica, a denunciare i reati subiti e ad affidarsi alle Istituzioni per la tutela non solo dell’incolumità fisica ma contro ogni forma di prevaricazione subita all’interno delle mura domestiche.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif