Attualità Ragusa 04/02/2014 14:27 Notizia letta: 1663 volte

Calabrese: a Ragusa vince Lupo, non sosterremo candidato di Cuperlo

Lotte intestine al Pd
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-02-2014/calabrese-a-ragusa-vince-lupo-non-sosterremo-candidato-di-cuperlo-500.jpg

Ragusa - Un grande risultato, in provincia di Ragusa, è stato ottenuto dall'area Dem del Pd che ha piazzato il proprio candidato alla segreteria regionale, Giuseppe Lupo, al primo posto nella convenzione regionale ottenendo 15 delegati con il 47 per cento dei voti tra gli iscritti. “Il lavoro svolto sul nostro territorio dal segretario regionale uscente, sempre presente a tutti gli appuntamenti locali in questi ultimi anni – dice il coordinatore provinciale dell’area Lupo, Peppe Calabrese – ha determinato la concretizzazione di un risultato importante che lo vede davanti al candidato Raciti sostenuto da correnti del Pd avversarie tra loro fino a qualche settimana fa. Siamo soddisfatti per avere ottenuto il miglior risultato in tutta la Sicilia. Voglio ringraziare tutti gli iscritti del Pd provinciale che hanno sostenuto il nostro candidato recandosi a votare sabato 1 febbraio pur a fronte di condizioni meteo proibitive. Determinante, ai fini del risultato, il contributo dato dal circolo “Pippo Tumino” di Ragusa ma altrettanto importante è stato lo sforzo fatto dai dirigenti dell'area Dem di Vittoria, Pozzallo, del terzo circolo di Ragusa e ancora Ispica, Scicli, Modica, Santa Croce Camerina, Monterosso e Chiaramonte. Giuseppe Lupo, alle ultime primarie nazionali, con il suo gruppo regionale ha contribuito in modo determinante alla vittoria di Matteo Renzi in Sicilia, reggendo il partito in un momento di grande confusione e imbarazzo legato anche al metodo utilizzato dal governatore Crocetta nei rapporti con il Pd. Rispettiamo ma non condividiamo la scelta fatta dal responsabile siciliano dell'area Renzi, Davide Faraone, che, sostenendo il candidato di Cuperlo, ha deciso di seguire logiche che di certo cozzano con la filosofia renziana che rimane la nostra, fortemente in contrasto con alcuni dirigenti siciliani considerati zavorre politiche dal segretario nazionale e che oggi condividono la stessa idea di partito o almeno lo stesso candidato. Nei fatti, l'area che ha sostenuto Renzi in Sicilia si è divisa in tre, segno tangibile che la scelta del deputato Faraone non è piaciuta a tutti. Lavoreremo per le prossime primarie del 16 febbraio a sostegno di Giuseppe Lupo e con coerenza daremo il massimo delle nostre possibilità per il bene della Sicilia e del Pd convinti che chiunque prevalga sarà il segretario del Pd siciliano”.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif