Attualità Ispica 04/02/2014 11:01 Notizia letta: 2332 volte

Nuovocentrodestra: A Ispica, le colpe del dissesto

Per colpire il sindaco Rustico
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-02-2014/1396118043-nuovocentrodestra-a-ispica-le-colpe-del-dissesto.jpg&size=684x500c0

Ispica -Il gruppo del Nuovo Centrodestra di Ispica ha commentato, in una nota diffusa oggi, i recenti accadimenti relativi all’ultima seduta del Consiglio comunale, che ha visto bocciati sia la mozione presentata dal PID, sia l’emendamento alla stessa redatto dal presidente del civico consesso Giuseppe Quarrella.

PID e ‘Sviluppo e solidarietà’ sono, ancora una volta e prepotentemente, venuti allo scoperto: hanno usato un fatto gravissimo, qual è il dissesto dell’Ente, con la finalità di colpire il Sindaco e l’Amministrazione comunale”; questa la dura accusa lanciata dal NCD alle due forze di opposizione.

D’altronde l’ha ammesso candidamente il promotore della mozione in discussione, Paolo Monaca:  "Non mi vergogno di aver votato il dissesto" ha asserito convintamente il consigliere comunale. Peccato che non sia riuscito a far votare ai suoi colleghi del PID nemmeno la mozione dagli stessi presentata e che, agli occhi di tutti, è sembrata un clamoroso ed assai tardivo ripensamento sul grave atto perpetrato a danno dei cittadini”; così continua il documento del NCD, che spiega: “Il testo originario della mozione prevedeva che il Sindaco si attivasse affinché presentasse un quesito alla Corte dei Conti, in modo da conoscere chi, fra il primo cittadino ed i commissari, abbia competenza a gestire i fondi del decreto ‘salva  enti’ numero 35/2013, e sbloccare così i pagamenti alle imprese creditrici del Comune. L’emendamento del presidente Quarrella, non solo non modificava questo intento, ma lo rafforzava, chiedendo al Sindaco di predisporre gli atti per l’annullamento del dissesto e realizzare, qualora questo fosse stato votato, un vantaggio per tutti i cittadini anziché per i soli creditori del Comune.

Non tralasciamo, nell’analizzare i fatti di venerdì e sabato scorsi, l’implicita ammissione di colpevolezza che la mozione stessa – lo ribadiamo, giacché difficile da credere: redatta e firmata dai consiglieri del PID – suggerisce nelle intenzioni: perché coloro che invocavano a gran voce l’arrivo dei commissari (la cui presenza costituisce, di fatto, l’unico reale motivo di attesa per il pagamento delle spettanze ai creditori) adesso avvertono l’improvvisa fretta di sbloccare quei fondi che solo il Sindaco ed i consiglieri che lo sostengono hanno fortemente inseguito ed ottenuto? 

"Mi indigno chiedendomi come mai il nostro Comune sia andato in dissesto", ha incredibilmente dichiarato Monaca in Consiglio. Si indigni pure il consigliere: il nostro Comune è in dissesto grazie a lui ed ai suoi colleghi che l’hanno votato”. 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif