Sport Modica 04/02/2014 12:16 Notizia letta: 2356 volte

Donne modicane, capaci di difendersi e attaccare

Un corso di difesa personale
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-02-2014/donne-modicane-capaci-di-difendersi-e-attaccare-500.jpg

Modica - Sono pronte a ogni sfida. Anche di quelle che non si dovrebbero mai incrociare sul cammino. Adesso sanno che per reagire a un’aggressione non bisogna sovrastare l’aggressore con la forza, ma basta avere grinta, sangue freddo e tecnica. Gli insegnamenti del Maestro Rosario Sigona dell’Asd Samurai, vice segretario nazionale dell’AIJJ, al 1° Corso di difesa personale appena conclusosi, sono stati preziosi.

L’opportunità a 25 donne modicane è stata fornita dall’Assessorato allo Sport, nella persona dell’assessore Rita Floridia, e dall’Asd Samurai, che hanno organizzato e promosso il corso di difesa personale del tutto gratuito riservato al cosiddetto ‘sesso debole’ che poi tanto ‘debole’ non è se è vero che le donne al giorno d’oggi lavorano, governano la casa, fanno tante di quelle cose che al solo raccontarle mettono paura.

Ed è quella che deve provare l’eventuale aggressore, che si troverà dinanzi una donna risoluta, capace di sfruttare la forza del suo molestatore. Riflessi e prontezza di spirito. Questo connota al termine delle lezioni di difesa personale le corsiste, tanto che bisognerebbe guardarle all’opera oggi.

“Hai voluto questa presa? Adesso te la tieni!”. Potrebbe essere questo il motto del corso, perché, simulando un’aggressione, è stato ripetuto tante volte. L’aggressore, cioè, sarà bloccato nella sua stessa presa osata ad esempio per una “toccatina” o la sua foga di mettere a segno uno scippo.

Il corso ha preparato le corsiste a fronteggiare vari tipi di aggressioni e situazioni di pericolo. "Alleniamo le nostre corsiste – dice il M° Sigona – a una pronta reazione, in primo luogo psicologica, dovuta all'eventuale aggressione. Non bisogna perdere la calma e si devono canalizzare le forze per l'autodifesa. Tutte hanno seguito con grande determinazione e oggi, finito il corso, sono pronte a difendersi da ogni tipo di pericolo".

Lo scopo è stato proprio quello di trasmettere consapevolezza di sé, corretta valutazione e prevenzione del rischio, ma anche strategie e tecniche specifiche proprie delle arti marziali, con tanto di tecniche di immobilizzazione e tecniche di attacchi per la difesa.

“Un’esperienza stimolante e davvero interessante – commentano le corsiste all’atto di ricevere l’attestato di partecipazione -. E non solo per quanto riguarda le lezioni, ma anche per il clima che si è venuto a creare in palestra sia fra di noi che col M° Sigona e i suoi aiutanti”. Vista la richiesta, Asd Samurai e Assessorato allo Sport promuoveranno il secondo corso gratuito. 

Valentina Raffa