Attualità Ragusa 05/02/2014 10:43 Notizia letta: 4033 volte

Il proprietario della chiesa della Bbammina: uno sciclitano voleva farci un pub

Parla l’erede
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-02-2014/il-proprietario-della-chiesa-della-bbammina-uno-sciclitano-voleva-farci-un-pub-500.jpg

Ragusa - “Macché discoteca, si trattava di un signore di Scicli che all’interno della Chiesa dei Miracoli avrebbe realizzato un risto-pub e che aveva già i soldi per la ristrutturazione”.

Parla il proprietario della “Bbammina” di Ragusa Ibla, il ragusano S.D., che anni fa ereditò il prestigioso immobile dal padre, che lo aveva acquistato all’inizio degli anni ’50.

“Mio padre – racconta - ai tempi era un appaltatore di beni immobiliari di un certo tipo. Capitò che un suo zio, il parroco Distefano, che era colui che all’epoca amministrava tutti i beni della Chiesa di Ragusa Ibla, lo chiamò per una ristrutturazione della chiesetta che, data la posizione, era molto problematica. Mio padre capì, data la forma ottagonale, che poteva essere un buon affare e alla fine finì per acquistarla (la chiesa era stata già sconsacrata anni prima) per un prezzo che in questo momento non ricordo. Dunque l’acquisto avvenne proprio in forma di investimento. Si pensa, tra l’altro, che sia stata progettata da un collaboratore del Bernini, che era là per lavoro. Pensate che per ristrutturarla – prosegue il signor D. – dato che  il tetto era caduto, c’è voluta una catena umana di ben 50 persone, proprio perché non c’erano strade per arrivare. Quando mio padre è morto, la chiesa è passata a me. Si è parlato del fatto che in questi anni sia stata usata come deposito, ma questo non risponde al vero, dato che dopo la morte di mio padre ho messo là tutti quegli arnesi artigianali che usava mio padre e che venivano impiegati nel suo lavoro. Inizialmente, uno dei progetti che fu portato avanti con qualche amministrazione era infatti la realizzazione di un museo”. Ma non se n’è mai fatto niente.

“Intorno alla fine degli anni ’70 – prosegue il proprietario della chiesa della Madonna dei Miracoli - c’è stato poi un furto che ha fatto sparire tutta questa merce, oltre alla Madonna con il Bambino che era l’effige della chiesa, che successivamente venne recuperata e che ora si trova nei giardini iblei. Non sono ovviamente sicuro della data esatta di questo furto, dato che mi sono sempre recato saltuariamente nella chiesetta e dunque non è escluso che l’abbia scoperto anche molto tempo più tardi”. Tra cambi e ricambi di amministrazioni, locali, provinciali e regionali, proposte d’acquisto e interlocuzioni, si arriva quindi ai giorni nostri, con la decisione di vendere l’immobile che, tra manutenzioni e pulizia, ha un costo non indifferente.  

“Sotto l’amministrazione Dipasquale – racconta - era stata aperta una pratica, c’era un’interlocuzione, ma poi anche in questo caso non se ne fece più niente. Adesso sono stato contattato dall’assessore del Comune di Ragusa Stefano Martorana con il quale ci incontreremo nei prossimi giorni per illustrare la vicenda all’attuale amministrazione. Ma ci sono anche delle discussioni aperte con alcuni privati, non di Ragusa, oltre che con qualche università. Il prezzo ovviamente non è il caso di dirlo proprio perché ci sono delle trattative in corso che devono rimanere private”.

Michele Farinaccio
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg