Attualità Modica 07/02/2014 21:44 Notizia letta: 2971 volte

Il Cga: Il Tribunale di Modica continui a essere usato come aula di giustizia

Smentito il Ministro
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-02-2014/il-cga-il-tribunale-di-modica-continui-a-essere-usato-come-aula-di-giustizia-500.jpg

Modica - Il Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione siciliana ha accolto il ricorso in appello contro l’ordinanza con la quale, lo scorso mese di ottobre, il Tar Sicilia, sezione di Catania, aveva rigettato la domanda di sospensiva del provvedimento impugnato. In particolare, il Cga ha ritenuto che le ragioni dell’Ordine forense di Modica siano fondate e per l’effetto ha autorizzato l’utilizzo del tribunale di Modica, senza i limiti originariamente apposti dal Ministro.

Il ricorso è stato discusso giovedì avanti al Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione siciliana. All'udienza sono intervenuti gli avvocati Antonio Borrometi e Francesco Stornello, per l'Ordine di Modica, che hanno insistito per l'accoglimento dell'appello, l'Avvocatura dello Stato per il Ministero di Giustizia e il prof. Salvatore Raimondi per l'Ordine degli Avvocati di Ragusa che, invece, hanno chiesto il rigetto dell'appello.

È una decisione importante non solo per il servizio giustizia in provincia di Ragusa, ma per analoghe situazioni sparse per lo Stivale. E la buona nuova giunge in un momento particolare in cui, quando tutto sembrava volgere verso la possibilità di istituire la sezione distaccata del tribunale a Modica, dopo una serie di incontri effettuati dal Comitato pro tribunale finanche col Ministro della Giustizia Cancellieri, e una serie di azioni legali poste in essere dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Modica, il presidente del tribunale di Ragusa, Giuseppe Tamburini, aveva disposto il trasferimento di personale e fascicoli da Modica a Ragusa. Azione, questa, mal digerita dal Comitato pro tribunale e non solo.

La portata del provvedimento del Cga, come sottolineato anche dai legali che hanno rappresentato l’Ordine forense di Modica, supera l’ambito locale, dal momento che, contestando l’autorità del Ministro della Giustizia a stabilire al posto del presidente del tribunale come utilizzare le sedi delle quali dispone l’ufficio giudiziario, di fatto mina il fondamento di tutti i decreti ministeriali che, come avvenuto per Modica, in occasione della soppressione degli uffici giudiziari disposta l’anno scorso, hanno autorizzato l’utilizzo temporaneo degli immobili già sedi degli uffici soppressi stabilendo, però, quali procedimenti trattarvi e quali, invece, trattare nella sede dell’ufficio accorpante.

“Siamo particolarmente soddisfatti della decisione del Cga, che ha riconosciuto, in via cautelare, la fondatezza delle ragioni dell’Ordine di Modica, che ha sempre contestato la legittimità del provvedimento ministeriale impugnato e, al contempo, fedele alla tradizione di strenuo rispetto della legalità che lo contraddistingue, ha sempre confidato e continua a confidare nella giustizia amministrativa - commentano gli avvocati Borrometi e Stornello -. È una tappa certamente importante per l’Ordine modicano. Ribadiremo avanti al Tar le nostre ragioni, avendo, però, oggi il conforto del massimo organo della Giustizia Amministrativa in Sicilia”.

Valentina Raffa