Appuntamenti Scicli 12/02/2014 10:57 Notizia letta: 2532 volte

Il grano nella terra iblea, un libro

Di Esplorambiente
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-02-2014/1396117985-il-grano-nella-terra-iblea-un-libro.jpg&size=755x500c0

Scicli - Per Domenica 16 febbraio 2014 con inizio alle ore 17:00, a Scicli, presso l’auditorium del Santuario di Santa Maria La Nova (ingresso dalla Cavuzza di San Guglielmo) l’Associazione Esplorambiente, in collaborazione con le Associazioni Tano Mormina e Caspita, ha organizzato la presentazione del Quaderno di Esplorambiente n. 4 dal titolo Il Grano nella Terra Iblea. A presentare la pubblicazione, cui parteciperanno i relatori, sarà il Prof. Giuseppe Pitrolo.

Il Quaderno contiene, in larga misura, gli atti del Covegno, svolto il 5 aprile 2013 presso Palazzo Spadaro in Scicli (RG). Per l’occasione sarà presente il rappresentante della Società Argital, Dott. G. Ferraro, che ha permesso la pubblicazione di questi atti.

Nella pubblicazione, dopo la prefazione della prof.ssa Maria Vittoria Inì e l’introduzione all’argomento del Dott. Gaetano Mormina, le relazioni riguardano: il Grano siciliano e grano camarinese nella Sicilia greca e la Produzione del grano nell’antichità classica. Le macine, sempre del Dott. Giovanni Di Stefano, la Produzione ed estrazione di grano nella contea di Modica dell’Arch. Marcello Vindigni, Di macine e mulini del Sig. Francesco Di Stefano, mugnaio del Mulino Soprano, La roccia della cava di San Biagio e le peculiarità dell’area, del Geol. Rosario Zaccaria, I frumenti siciliani: patrimonio da difendere e risorsa per un’agricoltura sostenibile, di Nello Blangiforti, Cave, mulini e turismo di Salvo Arena, Dal grano al pane del Geol. Rosario Zaccaria ed infine le foto dei mulini ad acqua iblei di Vincenzo Giompaolo.

Dopo la presentazione del Prof. Pitrolo, un dibattito tra il pubblico e i relatori nonchè la diffusione di video-immagini, sarà possibile degustare il caturro condito con fagioli cosaruciari e del buon pane casareccio, fatto con la semola del grano della terra iblea, accompagnato da stuzzicanti prodotti enogastronomici tipici locali.

Redazione