Scuola Modica 12/02/2014 18:19 Notizia letta: 1954 volte

Scuola Santa Marta, la manutenzione straordinaria

Dopo il sequestro di agosto
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-02-2014/scuola-santa-marta-la-manutenzione-straordinaria-500.jpg

Modica - La scuola Santa Marta sarà tra gli istituti scolastici più sicuri già a partire dal prossimo anno scolastico. Ma perché ciò avvenga, devono essere effettuati lavori di manutenzione straordinaria della copertura dell’edificio.

Il primo piano della scuola dallo scorso 2 agosto è ancora chiuso. Ad apporvi i sigilli fu la polizia provinciale, su disposizione dell’allora procuratore della Repubblica di Modica, Francesco Puleio, per possibili carenze strutturali, da cui sarebbe potuta derivare pericolosità per l’incolumità pubblica.

I lavori sono stati aggiudicati di recente, su 87 ditte partecipanti, dalla Giovanni Schininà di Modica, che, sull’importo di € 144.312,96 ha praticato un ribasso del 32,2168%. Ma non sono ancora iniziati. Dal momento in cui saranno avviati, o, più precisamente, dal momento della data del verbale di consegna, il termine di esecuzione delle opere è previsto in 150 giorni. I fondi sono del bilancio comunale.

Non appena sarà completata la nuova copertura dell’edificio scolastico, il sindaco, Ignazio Abbate, farà richiesta alla Procura di dissequestro del piano attualmente chiuso. Le precedenti presentate dal primo cittadino sono state rigettate, fuorchè quella che ha riguardato pochi giorni necessari per effettuare il trasloco dell’arredamento scolastico.

Quelli relativi alla copertura non sono gli unici lavori previsti. Sono state, infatti, avanzate da parte dell’Amministrazione due richieste di finanziamento alla Regione siciliana per la realizzazione dell’impianto termico della scuola per un importo di 392mila euro, mentre, per quanto concerne la realizzazione dell’impianto antincendio, occorreranno 280mila euro. È previsto anche che il giardino attrezzato adiacente alla scuola, di fruizione degli alunni e anche pubblica, sia recintato per garantire maggiore sicurezza agli utenti.

Come dichiarato di recente dal sindaco, “qualora la Regione non dovesse finanziare le opere, sarà l’Ente a farsene carico. L’apertura del prossimo anno scolastico vedrà un istituto efficiente e in linea con le misure di sicurezza”. 

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg