Appuntamenti Ragusa 14/02/2014 15:17 Notizia letta: 1456 volte

La Shoah, a Ibla

Sabato 15 febbraio
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/14-02-2014/1396117916-la-shoah-a-ibla.jpg&size=331x500c0

Ragusa - La Shoah, una delle pagine più nere, drammatiche e tristi dell'intera umanità, che ha portato allo stermino di quasi sei milioni di ebrei, sarà il tema centrale dello spettacolo in programma domani sera a Ragusa Ibla, ad ingresso gratuito, all'interno dell'auditorium San Vincenzo Ferreri. 

Presentato dalla rassegna musicale “Ibla Sacra International”, “Shoah – domande a Dio sul dolore degli innocenti” è il progetto artistico che miscela musica, arte  e parole all’interno del grande ruolo della memoria storica. Su un testo di Emanuele Giudice, tratto da “Yossl Rakover si rivolge a Dio” dello scrittore ebreo lituano Zvi Kolitz, sul palco il regista Gianni Battaglia con alcuni attori del Liceo Classico Umberto I di Ragusa, Martina Lauretta, Enrico Mallia, Enrico Novello e Federica Parisi. Accompagneranno la parte attoriale i talentuosi musicisti Gianluca Campagnolo, Francesco Scrofani Cancellieri, Valerio Battaglia e Gianluca Abbate, con l’ausilio artistico della pittrice Ausilia Miceli. Un intreccio condiviso di arti per raccontare l’urlo di dolore di Yossi, un ebreo sopravvissuto alla sua famiglia e i suoi compagni nel giorno di resistenza del suo ghetto alla repressione nazista, che ormai sta attendendo anche lui la fine della sua esistenza. La rabbia lo fa rivolgere verso Dio,  da cui si sente tradito perché ha potuto permettere che il suo popolo eletto fosse inondato da questo fiume di dolore. Cosi chiede delle risposte, tirando fuori la sua disperazione, la sua sete di giustizia, il suo desiderio di comprendere l’insensatezza degli avvenimenti. Ma le emozioni dirompenti si sublimano in musica, che muta assumendo le sonorità della tradizionale Klezmer”, veloce e travolgente, legata alle sue radici. E alla disperazione subentra la riaffermazione della fede e la riappropriazione della dignità del suo essere umano. La rassegna Ibla Sacra International, organizzata dall’Agimus, associazione presieduta in provincia da Marisa Dinatale, con la direzione artistica di Giovanni Cultrera, gode del contributo del Comune di Ragusa, del sostegno della Camera di Commercio di Ragusa e della collaborazione con sponsor privati tra cui la Banca Agricola Popolare di Ragusa, Sento - centro acustico e Reale Mutua. La produzione dello spettacolo è del Teatro d’arte Sicilia e l’inizio è previsto per le ore 20,30 di domani sera. L’ingresso è gratuito.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg