Attualità Modica

Contratto di quartiere, lavori fermi da luglio, ditta attende 600 mila euro

Polemica Abbate-Cavallino

Modica - Lavori del Contratto di quartiere ancora fermi dallo scorso mese di luglio. La ditta deve ricevere circa 600mila euro. È forse questo uno dei pochi dati di fatto in questa vicenda che coinvolge un’ampia zona residenziale del quartiere Sorda.

Non c’è affatto accordo tra quanto sostenuto in merito dal sindaco, Ignazio Abbate, e quanto dal consigliere comunale Tato Cavallino, che anche di recente è intervenuto con un’interrogazione per lamentare il mancato avvio di un’interlocuzione da parte del primo cittadino tra gli attori principali del Contratto di quartiere, interlocuzione ritenuta da Abbate “inutile oggi, visto che il contenzioso non è attuale, ma risale ad anni precedenti e c’è in atto un’azione legale che andrà avanti”.

Ma Cavallino non è d’accordo. “Manca l’interlocuzione – dice il consigliere -. Il sindaco non perde occasione, anche in Consiglio comunale, per addebitare colpe alla precedente Amministrazione, dicendo di avere ereditato questa situazione. Ma il punto è che, colpe a parte, i cittadini che risiedono nella zona, in particolare negli alloggi di edilizia popolare, sono penalizzati. Basti pensare, ad esempio, che nel Lotto 45 è mancata l’installazione di alcune caldaie, malgrado l’impegno del sindaco per una risoluzione, e si sono registrate parecchie infiltrazioni nelle abitazioni”.

Passerà, ad ogni modo, un po’ di tempo prima di vedere realizzato il progetto del Contratto di quartiere, che sarà, comunque, diverso rispetto a quanto ideato originariamente. La mancata erogazione di 1 milione e 400mila euro da parte dello Iacp, proprietario degli alloggi popolari, infatti, ha determinato il necessario ricorso alla rimodulazione del progetto ad opera di consulente tecnico esterno nominato dalla precedente Amministrazione, l’ing. Agosta, che “sta completando la perizia di variante per la rimodulazione del progetto – informa Abbate -. Gli edifici saranno messi in sicurezza e saranno terminate le opere già avviate”. Secondo Cavallino “il progetto è stato consegnato a ottobre”. Non c’è accordo nemmeno su questo.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif