Attualità Ragusa 20/02/2014 16:52 Notizia letta: 1759 volte

I grillini a Sonia Migliore: sui concorsi non dici la verità

Replica alla consigliera di opposizione
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-02-2014/1396117882-i-grillini-a-sonia-migliore-sui-concorsi-non-dici-la-verita.jpg&size=799x500c0

Ragusa - Se c’è qualcuno che può veramente dirsi maestro negli attacchi gratuiti e strumentali, questo qualcuno è il consigliere Sonia Migliore, che tenta di rigirare a noi questa accusa proprio mentre si lascia andare all’ennesima ricostruzione fantasiosa sugli atti dell’amministrazione Piccitto: quella sui concorsi pubblici.

Per amore di verità e non per difesa di ufficio non possiamo non mettere in luce le contraddizioni che emergono dall’accozzaglia di informazioni errate e allusioni fuorvianti contenute nel comunicato della Migliore, talmente tante che non si comprende se il consigliere faccia davvero fatica a comprendere ciò che legge o se si dedichi volutamente a darne un’interpretazione dettata dalla malafede.

La Migliore parla di concorsi per 4 dirigenti, quando sa benissimo che si tratta di 2 incarichi a tempo determinato e solo altri 2 a tempo indeterminato. La Migliore parla di incarichi per 13 nuovi funzionari, quando sa che si tratta di un solo funzionario e di 12 Vigili Urbani, dunque dipendenti di categoria C. La Migliore, ancora, sostiene che la Giunta, con la delibera 57/2014 del 14 febbraio, abbia appositamente modificato il regolamento comunale sui concorsi per poter agire in riferimento a quello dell’assunzione per il dirigente economista, quando sa – o almeno dovrebbe sapere, proprio lei che è stata amministratore di questo ente e dovrebbe almeno conoscerne le regole e comprenderne dinamiche fondamentali – che quel concorso è già stato bandito e qualunque modifica regolamentare non può avere alcun effetto retroattivo.

Non ci stancheremo mai di ricordare, peraltro, che le procedure per quel concorso sono state trovate già avviate da parte del sindaco Piccitto e che non è stato annullato in toto a seguito della sentenza del Tar, ma solo limitatamente alle parti ritenute illegittime, rispetto a cui questa amministrazione ritiene di aver garantito massima correttezza e trasparenza.

Con la delibera del 14 febbraio la Giunta ha semmai voluto trarre da questa vicenda lo spunto per introdurre innovazioni nel regolamento sui concorsi, utili a rendere il nostro Comune più moderno ed efficiente anche sotto questo punto di vista: la possibilità, per il futuro, di potere accedere alla selezione dei candidati anche attraverso il ricorso a graduatorie di altri enti serve infatti esclusivamente a raggiungere un obiettivo di risparmio ed economicità. Non serve, come la Migliore sostiene, a sistemare più facilmente chissà chi in chissà quale posto di responsabilità: l’abitudine di piegare le postille di norme e regolamenti a interessi particolari e di utilizzare la pubblica amministrazione come un ufficio di collocamento non la conosciamo, non ci appartiene ed è quanto di più lontano possibile rispetto al massimo rispetto della legalità e della legittimità che contraddistingue l’operato del sindaco Piccitto.

Su queste e su tutte le altre questioni dunque, le domande non possono essere considerate come veramente tali e dunque lecite, se sono in realtà subdole insinuazioni su problemi inesistenti, buone solo a guadagnarsi immeritatamente qualche titolo sulla stampa e a fuorviare l’opinione pubblica, piuttosto che collaborare alla chiarezza delle informazioni da condividere con i cittadini.

Consiglieri 5 stelle