Cronaca Pozzallo 22/02/2014 14:32 Notizia letta: 3157 volte

Sul catamarano per Pozzallo, con i documenti falsi

Arrestati 5 extracomunitari
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-02-2014/sul-catamarano-per-pozzallo-con-i-documenti-falsi-500.jpg

Pozzallo - Ieri mattina, i Carabinieri della Stazione di Pozzallo, durante il servizio di polizia di frontiera svolto all’interno del porto, hanno proceduto all’arresto di cinque extracomunitari poiché trovati in possesso di documenti validi per l’espatrio falsi.

In particolare, i militari dell’Arma, impegnati nei controlli di frontiera ai passeggeri del catamarano giunto ieri mattina da Malta a Pozzallo, hanno fermato i cinque giovani extracomunitari per la verifica dei documenti.

Nel corso del controllo, i cinque giovani, quattro somali ed un ghanese, si sono mostrati molto nervosi ed agitati tanto da insospettire i Carabinieri operanti.

Acquisiti tutti i documenti forniti dagli extracomunitari, i militari dell’Arma hanno condotto i cinque stranieri presso il comando Stazione di Pozzallo per effettuare gli accertamenti sui fermati.

Durante gli accertamenti, i Carabinieri appuravano che tutti i documenti forniti dagli stranieri risultavano falsi.

In particolare, i cittadini somali venivano trovati in possesso di permessi di soggiorno, documenti di viaggio e carte d’identità falsi mentre il ghanese era in possesso, sia di un passaporto ghanese falso, sia di un documento d’identità, rilasciato dalle autorità maltesi, anch’esso falso e riportante generalità corrispondenti ad altro soggetto.

Pertanto, verificato che i documenti presentati dagli extracomunitari per eludere i controlli risultavano falsi e, in un caso inoltre, riportavano generalità non corrispondenti al soggetto, tutti i cinque stranieri venivano dichiarati in arresto dai Carabinieri e dovranno rispondere dell’accusa di possesso di documenti validi per l’espatrio falsi, falsa attestazione o dichiarazione a P.U. sull’identità ed ingresso clandestino su territorio nazionale.

Gli stranieri, di età compresa tra i 21 ed i 29 anni, al termine delle formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ragusa, sono stati condotti presso la casa circondariale iblea.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg