Appuntamenti Modica 23/02/2014 12:14 Notizia letta: 2331 volte

Concerto dei Caruana Mundi a Modica

Venerdì 28 febbraio a San Nicolò, alle ore 21
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-02-2014/1396117869-concerto-dei-caruana-mundi-a-modica.jpg&size=896x500c0

Modica - Tornano le melodie rock e stravaganti all’Accademia Teatrale Clarence. Dopo la melodia intimistiche della chitarra di Stefano Meli, dello scorso dicembre, ad esibirsi sull’altare di San Nicolò sarà il gruppo ragusano dei CaruanaMundi. Venerdì 28 febbraio alle ore 21 presenteranno in anteprima assoluta il nuovo album, Angeli, dannati e anime sospese, disponibile già a partire dal 5 Febbraio, liberamente ispirato al viaggio ultraterreno di Dante, e per questo composto da 9 tracce, tre per ogni regno dell’oltretomba. Prodotto dall’etichetta Kalimat, il disco vanta la collaborazione di Pippo Barrile ex voce dei Kunsertu, di Andrea Sudano alle tastiere e di Lia Di quattro, vocalist  femminile. Ciò che lo contraddistingue però è una rinnovata anima rock che permea l’intero lavoro, impreziosito da avvolgenti suoni elettrici, ritmiche originali ed echi di poeti maledetti , da Baudelaire, Lermontov ad Abu Nuwas. Suoni scuri, distorti, a tratti psichedelici, ammantati da slide e riverberi fanno da contrappunto a testi che danno voce a figure inquiete e in cerca di salvezza, parte di un universo sonoro che sublima nella ricerca della felicità e nell’amore: il diavolo in cerca di redenzione grazie all’amore per una donna mortale, tema del brano che apre il disco (Le bugie del diavolo), Giuda che da traditore diventa eletto affinché si compia il destino dell’uomo e la volontà di Dio nel dissonante valzer decadente La ballata di Giuda, Cassandra la veggente figlia di Ecuba e Priamo che presentì il tramonto e la rovina della sua città, protagonista di un brano tra i più interessanti del disco (Cassandra), i riti apotropaici ancora vivi nei popoli subsahariani raccontati attraverso sonorità psichedeliche (Notte gnawa), l’omaggio al poeta arabo dell’amore e del vino Abu Nuwas in un reggae alla maniera di CaruanaMundi (Abu Nuwas). Come già il precedente lavoro (Il cucitore di tende), Angeli, dannati e anime sospese si distingue per la cura e l’eleganza del progetto grafico che riporta in copertina un particolare de Quattro visioni dell’Aldilà, olio su tavola del visionario pittore e alchimista olandese Hieronymus Bosch. Per assistere al concerto è previsto un biglietto di ingresso associativo di 5 euro.

Caruanamundi – Giambattista Maria Rosso: voce, Massimo Martines: chitarre, mandolino, ukulele, basso, Stefano Meli: chitarra elettrica, dobro, slide, Ugo Rosso: batteria e percussioni

Redazione