Giudiziaria Modica 23/02/2014 13:25 Notizia letta: 3522 volte

Resta in carcere il tunisino entrato col coltello nella stanza del sindaco

Ha ammesso di aver assunto droga
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-02-2014/resta-in-carcere-il-tunisino-entrato-col-coltello-nella-stanza-del-sindaco-500.jpg

Modica - È stato processato ieri mattina per direttissima il 20enne Isllme Jallabi, pluripregiudicato, arrestato dalla polizia per violenza, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta del giovane che nel tardo pomeriggio di giovedì, sotto l’effetto di droga, a dorso nudo, e intriso di sangue, si è recato a palazzo di Città spaventando lo staff di gabinetto del sindaco, ha aggredito un cittadino, un vigile urbano e un poliziotto, recando a questi ultimi due delle lesioni fortunatamente non gravi.

Jallabi, di origini tunisine ma residente a Modica sin dalla nascita, dovrà restare in carcere. Il giudice ha convalidato l’arresto disponendo la misura restrittiva. Il legale difensore, avv. Piero Sabellini, ha chiesto termini a difesa per decidere se richiedere un rito alternativo condizionato all’ammissione di alcune prove. L’udienza è fissata per venerdì. Il giovane non ha negato di essere stato sotto effetto di stupefacenti. Sarebbe stato, inoltre, minacciato da alcuni presunti amici.

Stando alla ricostruzione effettuata dalla polizia del Commissariato di Modica, che è riuscita con non pochi sforzi ad ammanettare il giovane che si trovava in stato di alterazione psico-fisica da droga, presumibilmente la cocaina che è stata trovata nella sua abitazione, Jallabi era fuggito da casa rincorso da tre persone che si trovavano a casa con lui. Sarebbero state loro a ferirlo.

Dopo la fuga il giovane si è recato al municipio. Qui per prima è entrato con prepotenza nella stanza del sindaco, Ignazio Abbate, che per fortuna si trovava altrove, poi ha strattonato il segretario e ha aggredito un cittadino che stava attendendo di potere conferire col sindaco e, una volta fuori da palazzo San Domenico, anche un vigile urbano che aveva cercato di fermarlo.

Dopo il vano tentativo di Jallabi di sottrargli la pistola d’ordinanza, gli ha sferrato un pugno in pieno volto, procurandogli delle lesioni. L’altro ferito è un poliziotto che stava tentando di ammanettarlo.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif