Attualità Modica 24/02/2014 18:17 Notizia letta: 3637 volte

Come si combatte il randagismo

Sterilizzazioni e microchip
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/24-02-2014/1396117860-come-si-combatte-il-randagismo.jpg&size=667x500c0

Modica -  Come si combatte il randagismo? Con sterilizzazioni e microchip. Sono questi i due punti fondamentali dai quali partire. La provincia di Ragusa si è ormai messa in carreggiata, malgrado fasi di interruzioni, e si auspica un’intensificazione dell’attività soprattutto di sterilizzazione. Ma da qualche tempo è saltato fuori da parte di alcuni Comuni iblei un escamotage per ‘liberarsi’ dei cani. Ed ecco fioccare convenzioni tra gli Enti e alcune associazioni e volontari che si occupano di trasferire i cani al Nord o fuori dall’Italia.

Se questa soluzione potrebbe essere percorsa una tantum, in caso di necessità, sta di fatto che è oramai una consuetudine. E la partenza pressoché periodica di ‘carichi’ di cani con destinazione Nord Italia e estero ha destato di certo l’attenzione di molti. “Se qualche associazione amica può ospitare una volta dei cani provenienti dal Sud, e in particolare dalla provincia di Ragusa, da dove sono partiti tantissimi cani – è l’interrogativo diffuso – ma è mai possibile che al Nord o all’estero non abbiano cani tanto da accogliere con così alta frequenza i nostri?”.

Qualcuno, insomma, specie dopo il furto dei cani non microchippati avvenuto al canile di Modica, dovrà pensare magari di effettuare dei controlli nei Comuni di partenza dei viaggi, dalle mete alla tracciabilità attuale dei cani partiti tempo addietro. E qualche Comune dovrà, magari, rivedere meglio il proprio operato.

La legge prevede che un Comune abbia un suo canile/ rifugio sanitario o una convenzione con una ditta o cooperativa per la raccolta e il rifugio dei cani randagi. Eppure in gran parte dei Comuni della provincia ciò non avviene. E la cosa più grave è che al cittadino che si rivolge al Comune per segnalare la presenza di uno o più cani abbandonati venga sciorinata quale giustificazione quella che di fatto è un’inadempienza, ossia che la convenzione è scaduta o che non ci sono soldi.  Ma le cose non stanno in effetti così. Insieme agli onori che si raccolgono quando si è alla guida di una città, ci sono gli oneri. Tra questi quello di osservare la legge.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg