Cultura Acate 24/02/2014 15:08 Notizia letta: 5729 volte

Il vino di Gaetana Iacono? E’ ecofriendly

Un premio per Valle dell’Acate
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/24-02-2014/il-vino-di-gaetana-iacono-e-ecofriendly-500.jpg

Acate – Valle dell’Acate ha ricevuto il Premio Eco-friendly 2014 per il suo impegno nella salvaguardia dell’ambiente dalla Guida Vini Buoni d’Italia – Touring Club, in collaborazione con Verallia. Il riconoscimento è assegnato alle cantine, particolarmente virtuose, che si distinguono nell’adozione di tecniche di lavorazione ecosostenibili per ridurre lo spreco energetico e l’impatto ambientale.

Valle dell’Acate, oggi guidata da Gaetana Jacono, da sei generazioni produce nel Feudo Bidini, nei pressi di Acate, in provincia di Ragusa, vini di grande qualità molto apprezzati in Italia e all’estero. Sempre con la massima attenzione alla tutela e alla valorizzazione del territorio siciliano e della sua importante cultura enologica.

L’azienda ogni giorno si impegna a sperimentare, lungo la filiera, efficienti percorsi produttivi basati sui principi della sostenibilità. Per questo, da tempo, nelle diverse fasi di produzione adotta misure che limitano l’impatto sull’ambiente, in particolare:

- Si è specializzata nella coltivazione dei vitigni autoctoni più pregiati e rigogliosi, in particolare Nero d’avola, Frappato, Grillo e Insolia, riuscendo così ad ottenere vini importanti che racchiudono l’immenso patrimonio territoriale e culturale della Sicilia,

  • -  Utilizza sistemi di irrigazione che massimizzano l’efficienza dell’acqua evitandone lo spreco,

  • -  Si adopera per riqualificare il territorio circostante attraverso opere di ristrutturazione della cantina che riportano alla luce l’antico splendore del luogo, carico di storia e bellezza

    naturalistica, rispettando sempre le sue caratteristiche,

  • -  L’impegno di Valle dell’Acate nella valorizzazione del territorio e delle importanti tipicità

    della regione continua con il progetto “7 terre per 7 vini”: per ogni vino è stato scelto e selezionato il territorio giusto che caratterizza fortemente la vigna e dà al prodotto finale una particolare e unica espressione. Ogni vino racconta una storia, quella della terra dove nasce e dalle quale trae forma e consistenza, in un legame indissolubile che lega passato, presente e futuro e si ritrova in ogni sorso.

    “Questo riconoscimento ci rende particolarmente orgogliosi perché sulla sostenibilità stiamo investendo molto, certi che sia necessaria per il futuro del nostro pianeta. La sostenibilità ha come principio di base la salvaguardia dell'ambiente. Chi come me fa vino vive ogni giorno a contatto con la natura e la terra, per questo impara a rispettarla e averne cura senza alterarne gli equilibri.

Solo così garantiamo un futuro alle prossime generazioni " afferma Gaetana Jacono, titolare di Valle dell’Acate e Brand Ambassador del Cerasuolo di Vittoria.

Valle dell’Acate, una delle realtà più in luce e intraprendenti nel panorama enoico della Sicilia sud orientale, è gestita da Gaetana Jacono, che rappresenta la sesta generazione di viticultori.
L’azienda è impegnata nella valorizzazione del territorio, nella diffusione fuori confine della cultura enologica della propria terra e nell'adozione di metodi ecosostenibili.

La tenuta si estende per 100 ettari e gran parte di essa, dal 2001 ad oggi, è stata reimpiantata con i vitigni principi della zona e internazionali.
Valle dell’Acate offre una serie di vini di incontrastato pregio, solari, dinamici e aromatici; la famosa D.O.C.G Cerasuolo di Vittoria, i D.O.C Il Frappato, Insolia e Zagra, gli I.G.T il Moro, Bidis, Rusciano e Tané, ottenuto dalla selezione nelle vendemmie più importanti dei migliori grappoli. Con una produzione annua di circa 400.000 bottiglie, i vini della Valle dell’Acate, vengono esportati con successo nel mondo, e hanno raggiunto oltre agli Stati Uniti, l’Europa, e il Canada, i nuovi mercati dell’Asia, dal Giappone alla Cina, dalla Russia all’India, e sono ben posizionati e riconosciuti in Italia e in particolar modo in Sicilia. 

Redazione