Lettere in redazione Pozzallo 26/02/2014 16:48 Notizia letta: 2283 volte

Lo stato delle bambinopoli a Modica e Pozzallo

Ci scrive una mamma
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-02-2014/lo-stato-delle-bambinopoli-a-modica-e-pozzallo-500.jpg

Pozzallo -  E’ capitato a tutti , quando, in una splendida giornata di sole arriva l’inesorabile richiesta “Mamma , Papà mi porti al parco giochi??”.

A dire il vero, il nostro territorio non vanta di cosi’ tanti ampi spazi dedicati gratuitamente ai piu’ piccini. Possiamo cambiare località, ma il risultato sarà sempre uguale, unica meta disponibile il Parco giochi tanto ambito dai nostri piccini per godere di una bella giornata di sole , dell’aria aperta  e dei giochi…..si dei giochi…quelli che ogni piccino sogna di utilizzare, l’altalena, lo scivolo, il cavallo a molla, il percorso.

Ampiamente rappresentate nelle due illustrazioni di cui sopra, come le varie amministrazioni Comunali, rispettivamente di Pozzallo e Modica, tengano particolarmente alla sicurezza e al benessere dei piu’ piccoli.

E così quella che doveva o potrebbe rivelarsi una giornata di spenzieratezza e divertimento diventa un vero e proprio incubo con un angosciante litemotiv : “Stai attento che non è agganciata “, “non scivolare che potresti tagliarti”, “non spingere troppo l’altalena non è ancorata al suolo” ,  “salta non vedi che c’è una grande pozza d’acqua?” etc  etc etc.

La domanda sorge spontanea, si deve necessariamente denunciare per ottenere un minimo di rispristino delle aree dedicate ai bambini?, o , sperando in un miracolo forse prima di primavera qualcuno con a cuore la loro gioia potrebbe, colpito da un raptus di sana coscienza provvedere a ristabilire le minime regole di sicurezza alle strutture.

Dulcis in fundo, dopo avere visitato entrambi i parchi leggo a caratteri cubitali qualcosa che mi indegna ancora di piu’, un bel cartello con su scritto “ L’amministrazione Comunale non risponde di danni causati a persone etc  etc  etc, non vorrei aggiungere altro e mi auguro che questo non sia un ottimo motivo per esimersi  dal  provvedere al rispristino delle aree giochi.

Alessia Sudano