Economia Vittoria 01/03/2014 14:30 Notizia letta: 2405 volte

Centro di ricerca di contrada Perciata, coinvolto Cartabellotta

Compulsato dal commissario Floreno
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-03-2014/1396117822-centro-di-ricerca-di-contrada-perciata-coinvolto-cartabellotta.jpg&size=595x500c0

Palermo -  L’individuazione di un percorso sinergico tra la Regione Siciliana e la Provincia Regionale di Ragusa per il rilancio del centro di ricerca in agricoltura di contrada Perciata di Vittoria al centro di un colloquio tra il commissario straordinario Carmela Floreno e l’assessore regionale alle Politiche Agricole Dario Cartabellotta.

Il commissario della Provincia di Ragusa ha chiesto al rappresentante del governo Crocetta di mettere in campo tutte le azioni possibili e in tempi ristretti per mettere a disposizione di un settore strategico e trainante per l’economia iblea, come quello agricolo, un centro di ricerca che possa essere uno strumento di crescita a disposizione delle categorie produttive. La Provincia di Ragusa, rispettando l’accordo di programma sottoscritto a suo tempo con Regione Siciliana e Università di Catania, continua ad assicurare la manutenzione e la vigilanza della struttura di contrada Perciata, ma appare improcrastinabile l’esigenza di dare una nuova ‘mission’ al centro. Su questo ha insistito il commissario Floreno durante il colloquio con l’assessore Cartabellotta che dal canto suo ha individuato un percorso, in sintonia col Corfilac, per fare ricerca in agricoltura.

“Bisogna pensare ad un centro di ricerca unico ibleo tra orticoltura e zootecnia – ha detto Cartabellotta – perché è arrivato il momento di fare sintesi e di non frantumare il lavoro di ricerca per il settore orticolo. Avvierò una interlocuzione col Rettore dell’Università di Catania a breve per coinvolgere in questo processo di riorganizzazione della ricerca in agricoltura anche l’ateneo etneo perché per la realizzazione di questo progetto il coinvolgimento dell’Università è fondamentale”.

Redazione