Cronaca Vittoria 03/03/2014 16:15 Notizia letta: 3328 volte

La Finanza sequestra casa Guarascio

A scopo preventivo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-03-2014/1396117814-la-finanza-sequestra-casa-guarascio.jpg&size=667x500c0

Vittoria -  “Numerose e vistosissime anomalie nella procedura svolta dal professionista delegato dal giudice per l’esecuzione ai fini dell’aggiudicazione dell’immobile”. Con queste motivazioni il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa, Carmelo Petralia, ha disposto il sequestro preventivo, ex articolo 321 del Codice di Procedura Penale, dell'abitazione della famiglia di Giovanni Guarascio, il muratore vittoriese morto nel maggio 2013 dopo che si era dato fuoco tentando di non farsi portar via la casa, già venduta all'asta. Proprio a seguito della procedura esecutiva Guarascio si era dato fuoco dopo essersi gettato addosso della benzina. A rimanere ustionati tentando di fermarlo anche la moglie, Giorgia Famà, e l'agente di Polizia Antonio Terranova, intervenuto insieme al collega Gianmarco Di Raimondo. Dopo questa vicenda la Procura aveva avviato un procedimento penale per indagare sulla regolarità della procedura esecutiva che ha portato poi all’aggiudicazione dell’asta.

L’esito delle indagini condotte dalla Compagnia Guardia di Finanza di Ragusa sulle dinamiche relative all’aggiudicazione dell’immobile e riferite al Magistrato in una corposa informativa di reato a carico di 3 soggetti iscritti nel registro degli indagati per turbata libertà degli incanti, estorsione, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici in concorso, ha indotto l’Autorità Giudiziaria ad emettere il provvedimento di sequestro preventivo dell’immobile, ancora nella materiale disponibilità dei familiari di Guarascio. L'AG ha inoltre disposto l’affidamento in custodia dell’immobile, con facoltà d’uso, a favore della  signora Famà. Allo stato sono in corso ulteriori indagini per l’acquisizione di altri elementi di riscontro utili per la definizione  della vicenda. Il caso Guarascio, tra l'altro, ha dato vita anche ad una inchiesta più ampia che riguarda, complessivamente, i professionisti coinvolti in quello che è stato definito il “sistema aste”.

Nadia D'Amato
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg