Cronaca Modica 06/03/2014 09:13 Notizia letta: 4907 volte

Modica, hanno sparato a una cagnetta

Aveva un anno e mezzo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-03-2014/1396117761-modica-hanno-sparato-a-una-cagnetta.jpg&size=667x500c0

Modica -  Le hanno sparato a bruciapelo in piena faccia. È terribile quanto accaduto a Lady una Husky di 1 anno e mezzo, di proprietà. La piccola, che di buon mattino, come di consueto, era uscita a fare una passeggiata vicino casa, in contrada Miglifulo, in territorio di Modica, ha fatto presto ritorno rifugiandosi nella stanza del suo amico umano, Daniele, ad attendere il suo risveglio mattutino.

Daniele non pensava che potesse essere accaduta una cosa tanto grave e ha continuato a sonnecchiare quando è stato svegliato dall’urlo disperato dei genitori che, rientrati a casa, hanno visto il volto di Lady devastato. “Nessuno mai avrebbe potuto pensare a uno sparo – dice Daniele -. Pensavamo che Lady fosse stata investita”.

La corsa disperata dal veterinario di fiducia, il dott. Nanni Emmolo, mentre Lady continuava a perdere sangue. La speranza di svegliarsi da quell’incubo e tornare a vedere scodinzolare Lady, che soffriva maledettamente. In ambulatorio l’amara scoperta. A ridurre in quel modo orrendo la cagnetta, affabile e docile con tutti, era stato un colpo di fucile. Le radiografie mostrano decine e decine di pallini che le sfregiano il volto e le hanno spappolato un occhio.

Il dott. Emmolo l’ha sottosta a un intervento chirurgico d’urgenza. È perfettamente riuscito ma per Lady questo è solo l’inizio. Presto dovrà essere sottoposta ad altro intervento per rimuovere la parte restante di occhio e una parte di pallini. “Siamo sconvolti – dice Daniele -. La notte è trascorsa in tribolazione. La piccola ha avuto qualche crisi. Era fredda. Un dolore tanto devastante non lo si augura a nessuno. Chi ha commesso un’atrocità del genere va individuato al più presto, in quanto persona pericolosa”. Per questo ha sporto denuncia contro ignoti.

Una delle ipotesi è che qualcuno, temendo che Lady potesse aggredire un capo di bestiame, abbia pensato di farsi ‘ingiustizia’ da sé. Potrebbe essere anche stato un sadico. Non c’è giustificazione alcuna nello sparare un cane, reato punito dal codice penale oltre che riprovevole sul piano etico. La presenza in società di un soggetto simile non dà rassicurazioni sull’incolumità pubblica. Malgrado quanto accadutole, Lady ha ancora fiducia nell’uomo. Sta combattendo la sua battaglia e al suo fianco c’è Daniele. E questo lei lo sa, lo sente.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg