Attualità Modica 10/03/2014 15:48 Notizia letta: 3956 volte

Abbate ha trovato i 2 milioni di euro scomparsi

Discrasia contabile
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-03-2014/abbate-ha-trovato-i-2-milioni-di-euro-scomparsi-500.jpg

Modica - I due milioni e duecento mila euro che mancano all’appello dal fondo “Salva Enti”, Dl 35 del 2013, (dei 9,4 milioni a 7,2 esistenti nel conto) è solo il frutto di un discrasia contabile avvenuta nel passaggio da un conto corrente ad un altro: da quello per spese ordinaria e quello vincolato nel cui deposito sono state trasferite le somme del Dl 35. Del fatto avevano chiesto conto e ragione il collegio dei revisori dei conti al responsabile dell’ufficio finanziario.
La dinamica e i percorsi hanno chiarito un giallo.

L’amministrazione comunale ha spiegato quanto è successo.
“La prima tranche dei venti milioni di euro, sui quaranta complessivi concessi all’amministrazione grazie al Dl 35, spiega l’assessore Enzo Giannone, sono stati introitati il 3 giugno dello scorso anno, quando questa amministrazione non era in carica, in un conto corrente ordinario e non vincolato così come doveva essere fatto immediatamente.
Nel passaggio delle somme, che intanto avevano subito delle decurtazioni essendo in un conto ordinario, dal conto ordinario a quello vincolato, il famoso conto 18, si è verificata una discrasia contabile che nei fatti non ha reso chiaro il quadro contabile. Quindi a causa di un’ anomalia tecnica sono mancati all’appello i due milioni di euro sul cui utilizzo stiamo facendo gli opportuni accertamenti.
Questa amministrazione ha depositato la seconda trance di venti milioni di euro vincolato 18 e solo dopo abbiamo effettuato i pagamenti così come prevede la legge”.
L’ufficio ragioneria è in questi giorni impegnata a fare le opportune verifiche, come ha riferito il dr. Salvatore Roccasalva, e intanto ha rilevato che un milione e settanta quattro mila euro sono le somme impegnate per il pagamento di salario accessorio ai dipendenti comunali che vantavano il debito prima del 31 dicembre 2012 e la cui liquidazione, prevista dal DL 35, era stata effettuata dal conto corrente ordinario pur facendo parte del plafond della prima trance dei venti milioni di euro. Sul resto delle somme si stanno facendo gli opportuni riscontri.
“Nessun ammanco e nessuna perdita di somme, conferma il Sindaco. Si tratta solo di una irregolarità contabile concretizzata prima del nostro arrivo e che noi abbiamo l’obbligo di comunicare alla Corte dei Conti.
Si tratta di dinamiche finanziarie da un conto corrente ad un altro senza gli opportuni e doverosi controlli contabili. Intento rilevare che grazie alle transazioni chiuse da questa amministrazione abbiamo ricavato risparmi dai 40 milioni di euro concessi nella misura di sette milioni di euro che andremo ad impiegare per pagare altri debiti secondo i canoni stabiliti dal Dl 35. Da quando ci siamo insediati il controllo contabile viene effettuato giorno dopo giorno. Informo che da martedì comincerò gli incontri con le parti sociali per una discussione sul bilancio di previsione 2014 che è nostro intendimento portare al più presto in consiglio comunale”.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg