Attualità Modica

Scuole, Abbate a Cavallino: nessun finanziamento perso

Botta e risposta

Modica -  “Non abbiamo perso nemmeno un centesimo di finanziamenti alle scuole del nostro territorio”. Il sindaco, Ignazio Abbate, risponde così alla denuncia del consigliere Tato Cavallino che lamentava che fossero sfumati come niente 595mila euro di finanziamenti per gli istituti scolastici Giacomo Albo e De Amicis.

Si tratta di risorse rientranti nel progetto Pon/Fesr 2007/2013 asse 2, che prevede, per l’esattezza, 250mila euro per il rifacimento di infissi e pavimenti della scuola G. Albo, e 345mila euro per la sistemazione del tetto con relativa installazione di pannelli e realizzazione di una scala di sicurezza alla scuola De Amicis.

Ancora una volta Cavallino e Abbate parlano due lingue differenti, e a dare manforte al consigliere un intervento del M5S Modica, che, apprendendo la notizia, non manca di intervenire evidenziando le “dimenticanze” del sindaco di Modica. Mentre Cavallino, sottolineando come “siano stati tolti i tecnici indicati come supporto al Rup, per cui non è stato possibile continuare l’iter progettuale e finanziario”, ha invitato il primo cittadino a predisporre le azioni necessarie per cercare di recuperare i finanziamenti scaduti, Abbate, di contro, garantisce che “l’iter progettuale per le due scuole sta proseguendo”.

“Per la De Amicis-Carlo Amore – dice il sindaco – si è insediata la Commissione per il progettista. In questi giorni saranno aperte le buste. Per la G. Albo, invece, l’istituto si è trovato dinanzi a due possibilità. Scegliere un suo progettista esterno, da retribuire con il finanziamento al progetto, somme che sono gestite dalle scuole, o appoggiarsi all’Ufficio tecnico del Comune. Quest’ultima era una strada più lunga, vista la mole di lavoro degli uffici comunali. Il Comune, comunque, sarà presente supportando il Rup. Ad ogni modo – conclude Abbate – i termini per ottenere i finanziamenti sono stati prorogati”.

Cavallino, denunciando la perdita del cospicuo finanziamento, l’ha attribuita a “negligenza e inoperosità di tutti coloro preposti alla vigilanza e all’attuazione di iter già avviati”. “Anche questa vicenda sarebbe dovuta essere nelle attenzioni dell’Amministrazione che si è lasciata sfuggire un’occasione di interventi strutturali nelle due scuole – dice -. Una negligenza che non ha giustificazioni visto che si parla delle cose da fare e non si fa attenzione agli iter già avviati e pronti. A questo punto, o il sindaco è allergico alle azioni della passata Amministrazione o si tratta di disattenzione e inadeguatezza degli assessori al ramo e degli uffici interessati”. Per Abbate Cavallino “ha preso un abbaglio”.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif