Economia Palermo 19/03/2014 17:27 Notizia letta: 2515 volte

Stancheris: approvati 48 progetti su 74 dei Distretti turistici

26 in stand by
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-03-2014/1396117674-stancheris-approvati-48-progetti-su-74-dei-distretti-turistici.jpg&size=433x500c0

Palermo - Dopo un lungo lavoro finalmente sono stati inviati ai Distretti turistici gli esiti del bando a loro dedicato. "Parliamo di 17 milioni di euro che devono generarne altrettanti; parliamo di investimenti, parliamo di progetti che devono e possono dare nuovo slancio alla filiera turistica" ha commentato l'assessore regionale al Turismo, Michela Stancheris. 
Dei 74 progetti pervenuti in assessorato sono stati giudicati positivamente ben 48. A questi verranno destinati i finanziamenti per un totale di quasi 17 milioni di euro da parte della Regione Sicilia, e quasi un milione da parte dei Distretti. Ventisei progetti di sei distretti invece sono rimasti in stand-by ma è presumibile che possano essere recuperati con un secondo bando, così come era stato anticipato nel focus sui distretti turistici che si è svolto lo scorso 11 febbraio alla presenza dell'assessore Stancheris e del direttore del Dipartimento turismo Alessandro Rais. Le azioni progettuali previste dai diversi progetti riguardano azioni di marketing, promozione, beni e servizi, partecipazione a borse e fiere e in alcuni casi sono finalizzate ad investimenti nel settore dell'informatica.
"Dopo 8 anni di ritardo - sottolinea Stancheris - abbiamo pubblicato il bando per 24 milioni destinato ai Distretti turistici. Oggi a meno di un anno da quel bando - ha aggiunto l'assessore - siamo in grado di comunicare gli esiti istruttori. Ora i Distretti sono chiamati a vincere una sfida epocale: i soldi ci sono, i progetti anche, ora non resta che mettersi al lavoro. Ho sempre creduto che fossero un organismo intermedio da rivedere e razionalizzare, ma era corretto e opportuno trarre un bilancio a seguito del bando. Dunque oggi non hanno più alibi".

Redazione