Appuntamenti Modica 20/03/2014 16:30 Notizia letta: 3053 volte

Modica, una mostra sul film Kaos

Curata da Sebastiano Gesù
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-03-2014/modica-una-mostra-sul-film-kaos-500.jpg

Modica -  All’interno del Festival di Cinema e Poesia “Versi di luce 2014”, in programma dal 21 al 23 marzo a Modica, l’evento tanto atteso che invaderà Modica in una “tre giorni” intensa di iniziative culturali e artistiche, spicca un appuntamento straordinario ed eccezionale: la mostra, esposta al Foyer del Teatro Garibaldi, “La magnifica visione: Kaos, la Sicilia dei f.lli Taviani”, composta da quadri raffiguranti foto di scena originali del film storico, girato nel nostro territorio.

Il rapporto tra i Taviani e la Sicilia è un rapporto antico, fruttuoso e appagante per entrambi i componenti questo fortunato binomio. Per l’isola è un caso raro, perché i rapporti di questa parte della nazione con la cinematografia, da sempre sono stati conflittuali e controversi. Per i fratelli registi l’isola ha rappresentato il cinema nella sua quintessenza, perché - come ha scritto Gesualdo Bufalino - questa terra è una terra “naturalmente” cinematografica. Una terra che si concede generosa, prorompente davanti alla macchina da presa con i suoi paesaggi sterminati, la sua gente incredibilmente teatrale, la sua storia, la sua letteratura, le sue tradizioni, le sue contraddizioni.

I fratelli Taviani con Kaos raccontano la campagna siciliana e le condizioni di vita del mondo contadino tra Otto e Novecento. La campagna iblea - set del film - caratterizzata dal fitto reticolato di candidi muretti a secco, diventa, complice Pirandello, la campagna siciliana tout-court, paradigma universale della civiltà contadina. E i temi congeniali al primo periodo dello scrittore agrigentino, quello delle Novelle per un anno, si ritrovano tutti in Kaos: la terra, la grande madre; la fatica, la miseria, il dolore; l’arsura delle zolle e della gente; la malattia, la superstizione; e non ultime, le ferite della storia. In più il paesaggio che, con le sue sconfinate aperture, ne enfatizza i temi.  La campagna iblea nuda e arsa si carica di incantamenti, di sortilegi, di terrori antichissimi, di una tensione lirica persino dolorosa, che la fanno dominare: protagonista assoluta. Il suo paesaggio ingrato, i suoi panorami incomparabili ci vengono restituiti illesi da qualsiasi superficialità turistica e pregni di un’aspra drammaticità ora arsa e ventosa, ora selvaggia e sapiente. Siamo nell’immemorabile silenzio della Sicilia contadina e pastorale, dove si è subito lontani da tutto, nello spazio e ancora di più nel tempo. “Con Kaos abbiamo veramente incontrato la Sicilia” - dichiarano i Taviani – “Siamo riusciti a comprendere questa terra, che per noi conserva una grande carica mitica”.

In questi trent’anni di vita del film le assidue interrelazioni tra romanzo e film hanno fatto diventare Kaos dei Taviani un esempio classico di trasposizione cinematografica di un’opera letteraria sullo schermo.

La mostra curata da Sebastiano Gesù costituisce un appuntamento memorabile per rivivere l’emozione di un linguaggio visivo che scuote le menti per la raffinatezza del mezzo usato e che mira diritto al cuore, sia di chi in Sicilia ci vive e sia di chi passa, anche in veste di viaggiatore momentaneo, in quest’Isola camaleontica.

Il contributo artistico proposto da Sebastiano Gesù ricopre il significato intimo di una sensibilità da “schiena diritta”, sempre forte delle radici, ma protesa ad andare oltre. Guadare dallo spioncino certi aspetti di vita siciliana, aguzzare la vista per coglierne i dettagli e stupirsi nel trovarsi davanti frammenti irrinunciabili di una sicilianità orgogliosa e veritiera.

INAUGURAZIONE MOSTRA 21 MARZO 2014 ORE 19.00.

Redazione