Attualità Youtube 25/03/2014 22:43 Notizia letta: 14772 volte

Le dannate nuvole di Vasco Rossi s’inchinano a Suor Cristina Scuccia, la monaca di Comiso

La sorella batte 100 a 1 il cantante di Zocca
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-03-2014/1396117636-le-dannate-nuvole-di-vasco-rossi-sinchinano-a-suor-cristina-scuccia-la-monaca-di-comiso.jpg&size=890x500c0

Suor Cristina Cuccia batte tutti i record su Youtube.

A una settimana dalla pubblicazione, il video della giovane Orsolina -in gara a The Voice of Italy- conquista la home dei “più visti” in Italia.

Il virus della Monaca di Comiso che canta e balla supera i confini del vecchio continente e sbarca pure nella grande mela di Obama e delle Sisters Act, che tifano e cliccano per la nostra sorella Cristina.

Suor Cristina non batte solo il Gangnam style di PSY ma, con 30.000.000 di visualizzazione in appena sette giorni, mette la freccia, scala di marcia e supera il grande Vasco Rossi.

Il rocker italiano più grande di tutti i tempi, quello di “respiri piano per non far rumore, ti addormenti di sera e ti risvegli col sole”, se ne farà una ragione: l’energia di Suor Cristina è, al momento, indomabile.

Le dannate nuvole, il pezzo a tinte rock il cui testo strizza l’occhio a Nietzsche, doveva essere il passaporto internazionale per sdoganare definitivamente il Blasco da uno dei momenti più tristi e cupi della sua carriera.

Infelice, dunque, stando ai numeri di youtube, il ritorno sulla scena musicale che conta per Vasco Rossi: appena 300.000 visite per il video inedito pubblicato il 18 marzo.

Youtube è un vero e proprio termometro di gradimento digitale per i fabbricanti di musica, e al momento per il nostro rocker preferito la temperatura di ascolto è molto bassa.

C’è da dire che il pezzo inedito di Vasco Rossi è mediocre, musicato e arrangiato con timbri sonori che non rendono affatto onore alla sua grande e impareggiabile carriera. Soprattutto quella vera e analogica degli anni ottanta.

Nelle dannate nuvole di Vasco, anche la chitarra che avrebbe dovuto sostituire quella del mitico Maurizio Solieri, affidata a Stef Burns, non pizzica le corde del cuore.

A conti fatti, ecco perché gli italiani scelgono Suor Cristina Scuccia e la sua cover in chiave soul e nasale della “no one” di Alicia Keys. 

Così parlò Youtube, senza scomodare Zarathustra e l'eterno ritorno.

Socrathe
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg