Giudiziaria Vittoria 04/04/2014 14:29 Notizia letta: 2407 volte

Scippo, Claudia Berlino patteggia


Warning: getimagesize(http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/1396614591_berlino-2.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 557

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 558
2 anni e quattro mesi
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/1396614591_berlino-2.jpg&size=0x500c0
Vittoria - E' tornata in libertà, dopo aver patteggiato la pena di due anni e quattro mesi di reclusione, con la sospensione condizionale, Claudia Berlino, 20 anni, arrestata a fine novembre insieme a due minorenni per rapina aggravata e lesioni personali in concorso.

L'episodio salì agli onori delle cronache nazionali per la freddezza con la quale il trio agì, ripreso da una videocamera di videosorveglianza. Nel filmato si vedeva il trio, sotto le direttive dell'unica maggiorenne, puntare l'anziana, avvicinarla e strattonarla, fino a farla cadere a terra. Uno di loro, poi, era tornato indietro per prendere la borsetta rimasta al braccio della ottantaquattrenne, in quel momento riversa a terra priva di sensi. La donna era stata  ricoverata all'ospedale Guzzardi per un trauma cranico facciale ed una lussazione alla spalla destra, con una prognosi di 25 giorni. 

La pena nei confronti della Berlino è stata applicata dal giudice per le Udienze Preliminari del Tribunale di Ragusa, Claudio Maggioni, dopo l'accordo fra l'avvocato difensore, Saverio La Grua, ed il pm, Marco Rota. Già in sede di convalida la giovane, davanti al gip Giovanni Giampiccolo, aveva confessato lo scippo,  si era detta pentita ed aveva chiesto scusa alla nonnina.

Ad individuare i responsabili gli uomini della Polizia di Stato di Vittoria. Il magistrato aveva subito convalidato l'arresto della Berlino e le aveva concesso i domiciliari. I due minori, invece, saranno processati dal Tribunale etneo a fine mese. In sede di convalida sono comparsi davanti al Gip del Tribunale dei Minori, Alessandra Chierego. G.E., 16 anni, difeso dall'avvocato Santino Garufi, è stato trasferito in una comunità; C.G., 16 anni, assistito dall'avvocato Alessandro Agnello, era rimasto all'interno dell'istituto penitenziario per minori. 

Nadia D'Amato
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg