Cronaca Ragusa 05/04/2014 11:00 Notizia letta: 3285 volte

Incendiati otto autocarri della ditta Tumino


Warning: getimagesize(http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/1396688432_2.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 547

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 548
C’è il dolo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/1396688432_2.jpg&size=0x500c0

Ragusa - Un gravissimo incendio di probabile matrice dolosa si è verificato nella notte tra sabato e domenica nel piazzale che hanno in comune tre aziende, in contrada Maiorana, alla periferia di Ragusa. Ben sette automezzi sono stati interessati dalle fiamme, di cui quattro, appartenenti alla ditta Tumino, sono andati completamente distrutti. Gli altri autocarri sono uno di proprietà della Mnt (che è andato parzialmente distrutto) e tre della Gsgc.

L'intervento dei vigili del fuoco è stato richiesto poco dopo l'una e mezza e si è concluso fino all'alba di sabato. Gli uomini del 115 sono intervenuti con due squadre operative con al seguito tre autobotti. L'incendio si è sviluppato in due punti distinti e relativamente distanti tra loro, cosa che farebbe avvalorare l'ipotesi del rogo di origine dolosa. L'opera di spegnimento dei vigili del fuoco è stata importante anche per evitare che le fiamme si propagassero ai capannoni di deposito collettame delle ditte. Sul posto, sia nella stessa notte tra sabato e domenica sia nella giornata di ieri, la squadra mobile di Ragusa che ha avviato le indagini del caso, raccogliendo tutti gli indizi utili per fare chiarezza, anche attraverso l'ascolto delle testimonianze dei titolari delle aziende. Anche la sezione Volanti della Questura, sabato notte, si è portata sul luogo dell'incendio. Sulle indagini, al momento, vige il più stretto riserbo, anche se è chiaro che gli inquirenti non tralasciano alcuna pista. Le indagini sono rese particolarmente difficili dall'assenza di testimoni o di videocamere di sicurezza che danno nel piazzale dove si sono sviluppate le fiamme e al quale chi ha appiccato le fiamme (nel caso si accerti la matrice dolosa del rogo) ha avuto accesso dopo aver scavalcato il cancello. I danni, in fase di quantificazione, ammontano a svariate migliaia di euro.

Michele Farinaccio