Economia Ragusa 06/04/2014 22:36 Notizia letta: 4051 volte

L’agenzia delle Entrate: Evasione, Ragusa, rischio totale


Warning: getimagesize(http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/1396816617_mappa-evasione-italia.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 547

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 548
Triste primato
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/1396816617_mappa-evasione-italia.jpg&size=0x500c0

Ragusa - L’Agenzia delle Entrate pubblica la mappa dell’evasione fiscale in Italia. Un’analisi minuziosa, basata su ben 245 variabili. La Sicilia non vanta dati positivi. Tra i parametri presi in considerazione, oltre al rapporto con le tasse, ci sono i comportamenti relativi al contesto sociale ed economico, al tenore di vita e al livello di criminalità, l’accesso a servizi tecnologici, la struttura produttiva e la popolosità’ del bacino.

La scala è composta da 8 etichette. Ad ogni tipologia di “provincia” viene attribuito un nome di fantasia: Rischio totale; Metropolis; Niente da dichiarare?; Rischiose abitudini; Non siamo angeli, Gli Equilibristi; L’Industriale; Stanno tutti bene.

In Sicilia si contano ben 4 provincie con “rischio totale”: Agrigento, Caltanissetta, Ragusa e Trapani. In queste zone, il tenore di vita è il più basso (punteggio pari a 1) mentre la pericolosità fiscale e sociale il più alto (punteggio pari a 5).

Inoltre, le province di CataniaMessina e Palermo vengono etichettate come “non siamo angeli”, con un punteggio di 3 per il tenore di vita e 3 per la pericolosità sociale e fiscale.

mappa evasione fiscale sicilia

RISCHIO TOTALE
11,2 milioni di residenti – pericolosità fiscale 5, pericolosità sociale 5, tenore di vita 1. Si tratta delle Province di Agrigento, Brindisi, Caltanissetta, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Foggia, Frosinone, Lecce, Napoli, Ragusa, Reggio, Calabria, Salerno, Trapani, Vibo Valentiae Barletta-Andria-Trani.

METROPOLIS
7,1 milioni di residenti – pericolosità fiscale 4, pericolosità sociale 4 , tenore di vita 5 . Sono le metropoli Roma e Milano.

NIENTE DA DICHIARARE?
2,3 milioni di residenti – pericolosità fiscale 4, pericolosità sociale 2 , tenore di vita 1 . Le aree sono Avellino, Benevento, Campobasso, Enna, Isernia, Matera, Nuoro, Oristano, Potenza, Rieti e Ogliastra.

RISCHIOSE ABITUDINI
4,0 milioni di residenti – pericolosità fiscale 3, pericolosità sociale 4, tenore di vita 3. Si tratta di Grosseto, Imperia, La Spezia, Latina, Livorno, Lucca, Massa-Carrara, Pescara, Pisa, Pistoia, Prato, Rimini, Savona.

NON SIAMO ANGELI
6,5 milioni di residenti – pericolosità fiscale 3, pericolosità sociale 3, tenore di vita 2. Sono Bari, Cagliari, Catania, Messina, Palermo, Sassari, Siracusa, Taranto, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano e Olbia-Tempio.

GLI EQUILIBRISTI
5,3 milioni di residenti – pericolosità fiscale 3, pericolosità sociale 2, tenore di vita 3. Ecco l’elenco: Arezzo, Ascoli Piceno, Asti, Chieti, Ferrara, L’Aquila, Macerata, Novara, Perugia, Pesaro e Urbino, Teramo, Terni, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Viterbo, Fermo.

INDUSTRIALE:
14,3 milioni di residenti – pericolosità fiscale 1, pericolosità sociale 3, tenore di vita 4. Sono Ancona, Bergamo, Bologna, Brescia, Firenze, Genova, Padova, Torino, Treviso, Trieste, Varese, Venezia, Verona, Vicenza, Monza e della Brianza.

STANNO TUTTI BENE
9,0 mln di residenti – pericolosità fiscale 1, pericolosità sociale 1, tenore di vita 4. Si tratta di Aosta, Belluno, Biella, Bolzano, Como, Cremona, Cuneo, Forlì-Cesena, Gorizia, Lecco, Lodi, Mantova, Modena, Parma, Pavia, Piacenza, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Rovigo, Siena, Sondrio, Trento, Udine.

La mappa fiscale dell’Italia realizzata dagli esperti della Agenzia delle entrate, compresa la “difficile” situazione della Sicilia, è stata consegnata in Parlamento dal numero uno dell’Agenzia Attilio Befera. L’obiettivo è rendere più efficace la repressione dell’evasione e aumentare la qualità dell’assistenza ai contribuenti.

Redazione