Cronaca Modica 10/04/2014 10:51 Notizia letta: 6436 volte

Devastano due ville e si vantano su Facebook. Sono in undici. Minorenni

Senza coscienza
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-04-2014/devastano-due-ville-e-si-vantano-su-facebook-sono-in-undici-minorenni-500.jpg

Modica -  Tutti insieme hanno la forza di un caterpillar. Purtroppo l’hanno investita male. 11 ragazzini hanno letteralmente devastato due ville di contrada Margi, nella periferia di Modica, e in una, addirittura, vi hanno pure gozzovigliato prima di darsi alla furia distruttrice. La banda ha trascorso così una domenica di fine marzo, per poi parlarne ‘serenamente’ su Facebook.

Tra il primo e il secondo ‘colpo’ c’è stato un crescendo di ‘ferocia’ e accanimento contro le cose. Nella prima abitazione i ragazzini hanno spaccato a calci la porta d’ingresso e i mobili, hanno ribaltato la cucina a gas, il tavolo da pranzo e il divano, hanno mandato in frantumi tutti i vetri delle finestre e dei tavoli, non risparmiando nemmeno l’esterno della villa, riuscendo a spaccare alcune tegole. Prima di andare via hanno portato con sé un ‘souvenir’ dall’abitazione: una mannaia in acciaio custodita in un cassetto della cucina.

La domenica ‘baldanzosa’ è proseguita poco distante, nella villa antica di un noto professionista in campo medico, utilizzata soltanto in estate. E qui che la banda ha dato ‘il meglio’ di sé utilizzando la mannaia. Prima di mettersi all’opera i ragazzini si sono rifocillati mangiando e consumando parecchie birre. Poi hanno iniziato a saccheggiare tutto quello che avevano davanti. Lo scenario è stato descritto dai poliziotti come “impressionante”.

“Cancelli, porte interne e portone, finestre e vetri, lampadari, mobili, suppellettili, specchi, piano cottura e cucina, tegole e quant’altro era stato “accuratamente” distrutto – dice la polizia di Modica -. Tutto era stato devastato con inaudita preordinazione”. Roba da fare impallidire Attila. I ragazzini si sono accaniti anche sui sanitari presumibilmente utilizzando la mannaia. Insomma, dato il risultato ottenuto, se metteranno nel lavoro tanta caparbietà, precisione e oculatezza saranno un giorno dei lavoratori sicuramente scrupolosi.

Dopo la denuncia da parte dei proprietari degli immobili devastati, che non sapevano spiegarsi quanto accaduto, la polizia ha avviato indagini serrate battendo tutte le piste. Fondamentale è stata quella di Facebook, perché i ragazzini avevano utilizzato il noto social network parlando della domenica trascorsa insieme.

Gli 11 minorenni, tutti modicani e di buona famiglia, sono stati convocati al Commissariato di via Cornelia accompagnati dai loro genitori. Sono indagati per danneggiamento in concorso. Alcuni risponderanno anche del furto della mannaia asportata nella prima abitazione e lasciata nella seconda villa al termina della devastazione dell’immobile.

Valentina Raffa