Attualità Vittoria 12/04/2014 17:56 Notizia letta: 8263 volte

Vigili del fuoco discontinui, se ne parla a Vittoria

Vertenza con Alfano
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-04-2014/1397318188-vigili-del-fuoco-discontinui-se-ne-parla-a-vittoria.jpg&size=667x500c0

Vittoria -  Un incontro con il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, allo scopo di affrontare la vertenza dei componenti dell’associazione nazionale discontinui vigili del fuoco. A chiederlo il capogruppo Ncd al consiglio comunale, Andrea La Rosa,  che nei giorni scorsi ha incontrato una delegazione iblea di iscritti all'ANDVF.

 L’associazione, costituita ufficialmente nel 2010, dichiarata maggiormente rappresentativa per numero d’iscritti e simpatizzanti, è formata da vigili del fuoco, ex ausiliari che hanno effettuato il servizio di leva nel corpo nazionale dei vigili del fuoco, oppure iscritti nei quadri provinciali discontinui dopo il superamento di un corso nelle strutture periferiche del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Gli aderenti effettuano mediamente da 20 a 80 giorni di servizio attivo l’anno (in periodi di 20 giorni, rispettando la normale turnazione dei colleghi permanenti) a fronte di una norma che consente fino ad un massimo di 180 giorni. Il loro impiego operativo ha un costo stimato in circa 120 milioni di euro l’anno (il 20% in meno rispetto gli anni precedenti in conseguenza della congiuntura nazionale e delle norme emanante dal Governo che tagliano in maniera indiscriminata i fondi per la sicurezza per risparmiare). Si tratta di uomini e donne, dai 18 fino ai 45 anni di età e anche oltre, che hanno centinaia di giorni e parecchia esperienza alle spalle e che sono impegnati giornalmente in tutte le sedi di servizio operative sempre in prima linea con i colleghi permanenti. Il loro impiego limitare la fortissima carenza di organico che insiste nel Corpo nazionale dei vigili del fuoco che, altrimenti, metterebbe fortemente a rischio il servizio di prevenzione, sicurezza e soccorso che il Corpo è invece deputato a svolgere su tutto il territorio nazionale mantenendo gli standard europei.

“Purtroppo la disattenzione dei vari Governi che si sono succeduti sul delicato tema della sicurezza, aggiunta all’attuale congiuntura economica- dichiara La Rosa- sta fortemente minando la mission istituzionale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Sappiamo che i discontinui rappresentati dall’Associazione nazionale, molti dei quali presenti anche nell’area iblea, combattono da anni per raggiungere una certezza economica per le proprie famiglie e permettere di effettuare il lavoro cui si sentono vocati e per il quale mettono a repentaglio la propria vita per salvare quella degli altri. Ecco perché mi sono attivato per fare in modo che il ministro dell’Interno Angelino Alfano possa incontrare il presidente Carlo Mazzarella, originario di Siracusa, ed una delegazione dell’associazione con l’obiettivo di affrontare tutte le questioni che sono state poste più volte nel corso di questi anni. Sappiamo che è un percorso tutto in salita, ma abbiamo l’obbligo di provarci”.

Nadia D'Amato
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg