Cronaca Vittoria 12/04/2014 23:27 Notizia letta: 2686 volte

Pregiudicato ai domiciliari evade, pur di non stare con la moglie

Una donna insopportabile
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-04-2014/pregiudicato-ai-domiciliari-evade-pur-di-non-stare-con-la-moglie-500.jpg

Vittoria - Meglio il carcere che i domiciliari a casa con la moglie. Possiamo riassumere così la scelta di G. G., pregiudicato vittoriese di 54 anni, arrestato nell'agosto del 2013 e che, il mese scorso, aveva patteggiato la pena di un anno e tre mesi di reclusione per il reato di furto continuato in concorso con altri pregiudicati.

Dopo aver scontato sette mesi di reclusione nella Casa circondariale di Ragusa, l'uomo aveva rivolto istanza al giudice per chiedere di essere ammesso alla pena, meno afflittiva, degli arresti domiciliari, preferendola ovviamente al regime carcerario. La sua richiesta, dopo qualche giorno, è stata accolta e, senza scorta, G. G. ha raggiunto la sua abitazione a Vittoria. Convivere con la moglie 24 ore su 24 e discutere con lei, però, è ben presto apparso all'uomo una pena più dura ed insopportabile del carcere tanto che dopo soli 25 giorni di domicilari, venerdì mattina si è presentato al Commissariato di Pubblica sicurezza di via Emanuela Loi. Agli agenti presenti ha subito ammesso di essere scappato da casa dopo un acceso diverbio con la moglie convivente ed ha chiesto di essere accompagnato nuovamente in carcere.
Davanti all'originale richiesta, i poliziotti hanno subito verificato la posizione giuridica di G. G., constatando, di fatto, lo stato di evasione dalla misura cautelare degli arresti domiciliari e l'assenza di qualsiasi tipo di autorizzazione ad uscire da casa. Scegliendo di raggiungere gli uffici di via Loi, infatti, l'uomo aveva comunque commesso il reato di evasione dagli arresti domiciliari. Gli agenti si sono quindi attivati per informare l'autorità giudiziaria dello strano caso. Nel frattempo, però, l'uomo è andato in escandescenze: prima ha tentato di strangolarsi con le sue stesse mani e poi ha cercato di gettarsi da una finestra del Commissariato. Solo il rapido ed incisivo intervento dei poliziotti, che comunque hanno faticato non poco per fermarlo, ha evitato il peggio. Pare che l'uomo avesse deciso: meglio morto che tornare a casa. Sul posto è stata quindi fatta arrivare un'ambulanza del 118 che ha trasportato G. G. all'ospedale "Guzzardi" di Vittoria. Qui è stato visitato da alcuni specialisti e sottoposto ad immediate cure mediche che lo hanno riportato alla calma.
Il suo gesto, al momento, non è però servito ad ottenere il risultato da lui sperato. Dopo le dimissioni, infatti, il cinquantaquattrenne è stato riaccompagnato nella sua abitazione. Sulla vicenda è stato inviato un rapporto all'autorità giudiziaria, presso la quale è stato inoltre segnalato per il reato di evasione. Sarà ora il giudice competente a decidere se accontentare l'uomo e riportarlo in carcere oppure fargli scontare la pena in casa.

Nadia D'Amato
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg