Cronaca Modica 15/04/2014 13:38 Notizia letta: 2129 volte

Il depuratore della Fiumara funziona, al minimo

Sversa sul torrente Modica-Scicli
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2014/il-depuratore-della-fiumara-funziona-al-minimo-500.jpg

Modica - Lavori necessari e urgenti al depuratore di contrada Fiumara. Al momento funziona a regime ridotto. Dall’impianto assicurano che l’attività è sotto controllo e che si sta cercando di limitare ricadute sull’ambiente circostante, ma non era più possibile proseguire a regime. Si è rotta, infatti, la raschia di fondo del sedimentatore finale (grande vasca) e la raschia di superficie è altamente corrosa dall’usura. Del resto erano obsoleti e vetusti, risalenti al ’72, anno in cui entrò in funzione l’impianto.

I residenti della zona sono preoccupati per l’immissione nel torrente che sbocca a mare in contrada Arizza di acqua non proprio cristallina, ma, come assicurano l’amministratore unico della Spm, Antonio Guastella, e il direttore tecnico dell’impianto di depurazione, ing. Salvatore Vindigni,  “la situazione è regimentata, cercando di limitare il più possibile ripercussioni sull’ambiente”.

I cittadini hanno visto in pratica che la vasca è stata svuotata nella sua parte liquida, dopo grigliatura, nella campagna. I fanghi sono invece stati mantenuti per il prelievo da parte di una ditta specializzata, ma è da evidenziare che se adesso si sta operando in stretta necessità per permettere di effettuare i lavori, le prime segnalazioni agli organi preposti in merito alla necessità di un intervento risalgono allo scorso agosto, e furono fatte dal direttore tecnico precedente, poi reiterate dall’ing. Vindigni. E da allora sono passati circa 8 mesi.

“Fu fatta comunicazione all’Assessore regionale dell’Energia e dei Servizi di pubblica utilità e all’Arpa Sicilia e di Ragusa nel mese di agosto dal mio predecessore – dice l’ing. Vindigni -. La richiesta è stata replicata anche in considerazione dello sforamento, nelle analisi dell’Arpa, dei solidi sospesi e totali, dovuto proprio al mal funzionamento delle raschie. Di recente c’è stata una convocazione in Assessorato. La raccomandazione è stata di utilizzare tutte le cautele necessarie, ed è così che stiamo operando, mantenendo in funzione la grigliatura, la dissabbiatura e provvedendo ad aerare i liquami nella vasca di equalizzazione”. “La situazione è sotto controllo – assicura Guastella -. Si prevede che i lavori termineranno il 22 aprile. Ma stiamo cercando di velocizzarli, anticipando i tempi previsti”.

Valentina Raffa
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg