Cultura Vittoria 15/04/2014 22:08 Notizia letta: 3017 volte

L’epopea dei Florio, a Vittoria

Lo status di vigneron
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2014/1397592520-l-epopea-dei-florio-a-vittoria.jpg&size=320x500c0

Vittoria - Raccontare ad una città del vino il destino dei Florio, fastosa dinastia di vigneron che, intorno alle "trame" economiche del vino riuscirono a tessere anche uno stile di vita, d'arte, cultura, talmente unico da lasciare un'impronta indelebile nella "Belle Epoque", può diventare un fatto suggestivo.

E' accaduto a Sala Mandarà nel corso della presentazione del libro "I Florio" seconda fatica dell'ingegnere vittoriese Salvatore Nicastro, già autore di "Vittoria e la sua gente". A patrocinare l'incontro, insieme l'associazione Antea e il Kiwanis club di Vittoria di cui lo scrittore vittoriese è socio.

"L'autore - spiega Totò Migliore, presidente del Kiwanis - ha raccontato l'ascesa e poi la caduta, sociale ed economica di questa famiglia che, originaria della Calabria, trovò nella Sicilia del vino e del tonno, la sua ragione d'essere diventando un'incredibile potenza industriale del tempo da annoverare fra i propri amici moltissime teste coronate d'Europa e letterati come Wilde, D'Annunzio (che ribattezzò Donna Florio chiamandola l'Unica), la Duse e tanti altri personaggi. Si è soffermato inoltre sulle figure di Ignazio Florio e della moglie Donna Franca che furono i volti più eloquenti della Belle Epoque segnandone lo stile con la propria vita".
Ad introdurre nel tempo dei Florio, è stato il notaio Giuseppe Traina. "Prendendo spunto dai Florio - spiega il presidente del Kiwanis di Vittoria - il relatore, ha illustrato gli aspetti sociali, storici e culturali della Sicilia di fine 800 soffermandosi sulle classi dominanti, quali i ricchi latifondisti, e di quelle dominate, come poveri contadini, mentre una nuova se ne affacciava all'orizzonte, una classe sociale di piccoli imprenditori e mercanti avrebbe dato vita alla nascente classe borghese, che di lì a poco avrebbe dominato la società". Intrecci di storia sfociati nel racconto anche dei fatti dell'Unità d'Italia, del brigantaggio e infine della Prima guerra mondiale".

La Sicilia

Daniela Citino
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg