Appuntamenti Ragusa

A Ragusa l’inchiesta sul teatro che non c’è, con Amelia Cartia

Il 27 aprile

Ragusa -  Un cartellone culturale che per 5 mesi ha animato il centro storico di Ragusa, nella location del Museo della Cattedrale (Palazzo Garofalo, Corso Italia, 87) e che si avvia adesso ad una quattro giorni conclusiva che dal 24 al 27 aprile vedrà alternarsi momenti di arte pura giovanile a momenti di riflessione. Si comincia il 24, alle 18, con l'inaugurazione di una mostra finale d'arte giovanile, dal titolo “Artisti in Cantiere". In continuità con il principio di promozione e valorizzazione dei giovani talenti locali, che ha prodotto lo scorso giugno la mostra “Cantiere Creativo”, anche quest’anno il gruppo giovani del Museo della Cattedrale dà spazio alla creatività giovanile, organizzando una mostra d’arte. Esporranno Eliana Agosta, Manuela Arrabita, Carmelo Blanco, Gaetano Bruno, Luigi Denaro, Elena Giampiccolo, Patrizia Gulino,  Jessica La Terra, Damiano Pluchinotta e Leandra Russo, Claudia Vicinale. I giovani artisti, attraverso le più svariate tecniche di pittura e scultura, mettono in mostra opere di grande qualità espressiva. Ad accomunarli la grande passione per l’arte e la vivacità creativa, espressa in elaborati innovativi ed originali. Concedere uno spazio agli artisti non ancora affermati dà la possibilità di far conoscere, agli amanti dell’arte e della cultura, gli innumerevoli talenti del territorio ibleo che spesso restano in ombra. Consistente la partecipazione di giovani artisti allievi o ex allievi dell’Accademia di Belle Arti “Mediterranea” di Ragusa. La mostra, curata dalla dottoressa Emilia Cappello del Gruppo Giovani del Museo della Cattedrale, sarà inaugurata giovedì 24 aprile alle ore 18.00 e resterà aperta giovedì e venerdì dalle 17.00 alle 20.00, sabato e domenica dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 20.00.

Subito dopo, alle 18.30, spazio ad Emanuele Malloru, noto videomaker ragusano che presenterà la sua video-serie "Artistidentro", dedicata ai giovani talenti iblei, già arrivata alla seconda stagione. La serie, di tipo documentaristico/intervista, è caratterizzata da una tranquilla passeggiata che Emanuele Malloru conduce con l'artista di turno. La telecamera è infatti gestita dallo stesso Malloru, che rinunciando a cameraman, fonico, o qualsiasi altro membro di una troupe, porta l'intervistato a comportarsi in modo assolutamente naturale dimenticando il fatto che ci sia una registrazione in corso, rendendo l'intervista genuina esattamente come se ci fosse una normale chiacchierata tra amici. La quattro giorni proseguirà il 26 Aprile, alle 18.45, con l'ultima proiezione legata al cineforum "Alterità, diversità, corresponsabilità": protagonista il film "Giorni e Nuvole" di Silvio Soldini. A conclusione di tutto, domenica 27 alle 18.30, uno degli incontri-dibattiti del Cantiere Culturale maggiormente attesi: il confronto aperto tra chi in città fa teatro. L'incontro, dal titolo "Fai da te...atro - organizzare, ideare, stare sulla scena" sarà moderato da Amelia Cartia, giornalista de La Sicilia nota per aver curato l'inchiesta "Il teatro che non c'è" che tratterà del tema della produzione teatrale con Giosè e Nando Chessari, cabarettisti; Federica Bisegna e Vittorio Bonaccorso, compagnia Godot; Costanza e Vicky Diquattro, direttrici artistiche del Teatro Donnafugata; i giovani della compagnia teatrale di dramma antico Dyonisos; Cristina Gennaro, dell'associazione culturale "Servi e Padroni" e Maurizio Nicastro, presidente associazione Palco Uno.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif