Attualità Ragusa 22/04/2014 17:31 Notizia letta: 3858 volte

Gli auguri del Libero Consorzio

Una cartolina inusuale
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-04-2014/gli-auguri-del-libero-consorzio-500.jpg

Ragusa -  Ad un mio amico (che è – evidentemente – un VIP), è arrivata per posta elettronica una gradita comunicazione. Il mittente “Segreteria Presidenza Provincia Ragusa”. Ovviamente si è incuriosito, posto che teoricamente la Provincia di Ragusa quale ente istituzionale della Regine Siciliana non esiste più. Aperta la mail ha trovato il seguente messaggio: “A nome dell'amministrazione e mio personale formulo fervidi auguri per una Serena Santa Pasqua. Carmela Floreno” ed un allegato, aperto il quale altra gradita sorpresa. Per fare prima, mostriamo a corredo di questo articoletto, lo stesso messaggio allegato. Come si vede, un simpatico augurio di buona Pasqua inviato dall’attuale commissario alla Provincia, la Avv. Dott. Carmela Floreno Vacirca, e poi una simpatica composizione tipicamente pasquale, dal sapore vagamente statunitense, con uova decorate, astro verde a fermare quelli che sembrano rametti di un albero appena gemmati, forse un mandorlo, o un pero.

Ma è nella intestazione della simpatica cortesia augurale che si trovano le maggiori sorprese, anche senza l’uovo. La prima: apprendiamo che la Provincia è adesso “denominata Libero Consorzio Comunale” (e a questo punto la già enorme confusione che alberga in noi a proposito di questa “rivoluzione” di Saro Crocetta presidente si amplifica a dismisura. E non solo. Si guardi bene la intestazione, dove spicca un incredibile “Provincia Reginale di Ragusa”. Ora, fatto salvo l’improbabile riferimento alla “Camera Reginale” di medievale memoria (si veda Wikipedia cercando “Camera Reginale” oppure “Federico III di Sicilia” o anche “Eleonora d’Angiò”), che non credo possa essere la nuova definizione dei liberi consorzi tra comuni (ma visti gli attuali governanti di questa martoriata isola io preferirei di gran lunga affidarmi ed un emulo aragonese come fu l’ottimo Re di Trinacria Federico), credo proprio che a scrivere quel simpatico biglietto d’auguri ci si sia sbagliati, semplicemente. E non c’è nulla di male, se non fosse che a rileggere quanto scritto si perde qualche minuto ma si evitano le cattive figure, specie se a farle sia la “ex” Provincia Regionale, perché così facendo il futuro Libero Consorzio tra Comuni non nasce sotto i migliori auspici.

Saro Distefano