Attualità Modica 28/04/2014 23:20 Notizia letta: 2321 volte

Cunti e canti su San Giorgio a Modica al PalaCultura

Spatulidda Riali
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-04-2014/cunti-e-canti-su-san-giorgio-a-modica-al-palacultura-500.jpg

Modica -  - La tradizione colta e popolare su San Giorgio, patrono di Modica, che in occasione della festa a Lui dedicata, la Fondazione “G. P. Grimaldi” ha voluto ricordare con alcune iniziative culturali volte a coinvolgere l’intera città. Tra queste, “Spatulidda Riali”, recital di parole e musica in onore del santo che ha avuto luogo sabato 26 aprile presso il Palazzo della Cultura. L’evento è stato organizzato in collaborazione con il Comune di Modica, l’Associazione Portatori di S. Giorgio, la Parrocchia della Chiesa Madre di S. Giorgio, il Kiwanis Club, il Consorzio Turistico di Modica. Gli attori della “Compagnia del Piccolo Teatro” di Modica insieme al gruppo musicale dei “Muorika Mia” (nella foto, a sx)hanno interpretato brani, canti e preghiere  della tradizione letteraria e popolare legati alla figura di S. Giorgio, santo, patrono e martire particolarmente amato dalla sua città. Un excursus tra sacro e profano in quel patrimonio immateriale dell’umanità che è la tradizione orale legata alla memoria e alla parola non scritta, un’oralità esuberante e popolare dai toni ora invocanti nelle preghiere e nelle novene dedicate al santo, ora solenni in racconti immaginifici di draghi, re e damigelle da salvare, ora sotto forma di strali concitati e sanguigni lanciati dai sangiorgiari contro i sostenitori dell’altro santo e patrono di Modica [S. Pietro, ndr] nel giorno del dì di festa. Ma il santo cappadoce le cui origini si perdono fra storia e leggenda, rivive anche nella tradizione più colta e letteraria affidata all’opera di autori che a Modica vissero e nel cui tratto felice si riscopre l’anima sincera ed antica della città e del santo cavaliere: i ritratti vividi e malinconici di un tempo che non è più nelle pagine senza tempo di Raffaele Poidomani, Franco Antonio Belgiorno, Nannino Ragusa, Tanino Puglisi, Angelo Aprile, Carmelo Assenza.

Un appuntamento interessante che meritava un pubblico ben più numeroso come d’altronde è accaduto per l’altro evento svoltosi in concomitanza all’Auditorium “Pietro Floridia” dedicato allo scrittore Ciccio Belgiorno ed organizzato dalla Coop. “Oltre la Luna”. È purtroppo triste constatare come a Modica si continuino a mortificare iniziative di alto spessore culturale per mancanza di coordinamento tra i vari enti promotori e perché non adeguatamente pubblicizzate.

Giorgia Frasca Caccia