Attualità Roma 03/05/2014 14:21 Notizia letta: 4611 volte

Rai Storia rende omaggio a Piero Guccione

Canale 54
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-05-2014/rai-storia-rende-omaggio-a-piero-guccione-500.jpg

Scicli - Piero Guccione è uno degli artisti italiani contemporanei più rappresentativi. Nato nel 1935 a Scicli, in provincia di Ragusa, dopo aver conseguito il diploma all’Istituto d’Arte di Catania, si trasferisce ben presto a Roma dove frequenta i pittori neorealisti Attardi, Vespignani, Calabria e dove nel 1960 allestisce la sua prima mostra. Verso la fine degli anni Sessanta è assistente di Renato Guttuso alla cattedra di Pittura, presso l'Accademia di Belle Arti.  

            A questo importante artista Magazzini Einstein dedica il docu-film “Piero Guccione”, regia di Nunzio Massimo Nifosì, in onda su RAI STORIA (canale 54 del digitale terrestre) martedì 6 maggio ore 21.15. Il film traccia il ritratto di uno dei personaggi più noti dell’odierno panorama culturale, presente per ben sei volte alla Biennale di Venezia, riconosciuto dalla critica internazionale più autorevole, consacrato dalla grande retrospettiva che la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma gli ha dedicato nel 2008.

Il racconto di frammenti della vita di Guccione è il pretesto filmico per carpire la genesi del suo stile, svelare i luoghi che ispirano parte della sua recente produzione, la luce e il mare in cui l'artista immerge la sua anima. “Poesia picta”, così descrive la pittura dell’artista siciliano lo storico dell’arte Maurizio Calvesi. Una pittura che oscilla tra figurazione, realismo magico e astrazione.

Magazzini Einstein è il contenitore televisivo di Rai Educational con documentari dedicati alla storia dell’arte, tra passato e presente, un laboratorio di nuovi linguaggi per comunicare la storia e i contesti sociali che hanno prodotto i fenomeni più interessanti delle arti visive. I personaggi, la memoria, luoghi e visioni e i laboratori saranno le sezioni attraverso le quali Magazzini Einstein proporrà il suo itinerario.

Redazione