Sport Ragusa 03/05/2014 21:02 Notizia letta: 2399 volte

Il Cirs alle Gole della Stretta

Per i 40 anni del sodalizio
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-05-2014/il-cirs-alle-gole-della-stretta-500.jpg

Ragusa -  Si è conclusa con una esperienza a dir poco fantastica la settimana di iniziative promosse dal Cirs, il Centro ibleo di ricerche speleo-idrogeologiche, per celebrare i quarant’anni di attività. L’associazione a carattere scientifico e culturale, infatti, è stata fondata a Ragusa nel 1974. La manifestazione “L’acqua che berremo” è stata completata da una escursione di trenta persone alle Gole della Stretta, uno degli scorci paesaggistici più suggestivi e ricchi di fascino che sorgono nel cuore degli Iblei. “E’ una vallata di alcuni chilometri – afferma il presidente del Cirs, Rosario Ruggieri – in cui scorre un corso d’acqua perenne. E’ un tratto caratterizzato da versanti molto ravvicinati, verticali, che rendono il sito tra i più belli, scenograficamente parlando, del territorio in cui risiediamo. All’interno della gola, poi, si possono riscontrare una serie di cascate, oltre a laghetti, tutti a formare un contesto per certi versi unico. Scendendo dal versante, come se non bastasse, la parte finale è costituita da un lago che sfrutta al meglio la formazione rocciosa che si dispone come se fosse un anfiteatro. Devo dire che tutti i partecipanti all’iniziativa sono rimasti meravigliati dalla bellezza di un posto che è misconosciuto e tutti a chiedersi, infatti, come mai non si proceda all’opportuna valorizzazione dell’area per fare in modo che la stessa possa essere resa nota ai naturalisti nel modo migliore”.

Intanto, destano interesse i contenuti delle relazioni svolte in occasione del convegno tenutosi il 30 aprile scorso all’auditorium San Vincenzo Ferreri di Ibla. In particolare, Antonino Duchi di Legambiente si è soffermato sugli aspetti ecologici riguardanti la qualità delle acque relativi a tutta una serie di ambienti acquatici a stretto contatto con le comunità abitate. E’ emerso che esiste una relazione intima tra corso d'acqua e popolazione fondamentale per Ragusa. “Pensiamo al corso dei mulini o ai numerosi pescatori di professione, numerosi fino agli anni Cinquanta – ha aggiunto Duchi – I pescatori rappresentavano una sorta di sentinella nel territorio. A partire dagli anni Ottanta, si sono attivate tutta una serie di procedure di grande attenzione nei confronti della popolazione ittica delle trote; e ciò fino agli anni 2000. Il progetto trota macro-stigma, ad esempio, ha contemplato nel tempo un gioco di sponda fra Provincia regionale, ormai ex, e pescatori sportivi. Attivati gli incubatoi di valle, si riscontrarono alterne vicende, fino alla chiusura per alcuni anni mentre ora gli stessi sono in gestione alla federazione pesca sportiva. Si è fatta anche una regolamentazione della pesca sportiva nelle acque interne, esempio che tuttora nel resto della Sicilia non esiste”. Duchi, inoltre, ha aggiunto: “Lo studio sulla fauna ittica va di pari passo con l'analisi ambientale, per questo assume ulteriori connotati di importanza. La biodiversità dell’ambiente acquatico va tutelata, tramite l’utilizzo come bio-indicatore della qualità ambientale. Dal progetto macro-stigma, inoltre, nasce l’idea di allargare lo studio a tutta la provincia attivando la carta ittica, strumento di pianificazione e gestione che purtroppo non sempre è stato applicato. Uno strumento che abbiamo predisposto primi in Sicilia. Le caratteristiche riguardano la presenza di 84 siti di campionamento, con un sistema di rilevazione molto accurato, oltre a dati geografici, ittiologici, fisico-chimici. Una vera e propria massa di dati ottenuta in buona collaborazione con l'Arpa ed il laboratorio di sanità pubblica dell’Asp di Ragusa. E’ stato predisposto un elenco di specie interessante per quel che concerne la biodiversità, la qualità delle acque e i percorsi idrici modificati dall'intervento dell'uomo. Abbiamo, purtroppo, registrato la presenza di specie con un forte indice di riduzione come la Tinca o la Cagnetta. E’ presente anche un elenco degli invertebrati che vivono negli alvei dei torrenti. Sono questi ultimi altri importanti indicatori di inquinamento della risorsa idrica”. 

Redazione