Sport Vicenza 04/05/2014 22:48 Notizia letta: 1637 volte

Passalacqua, delusione scudetto

Sogno infranto
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-05-2014/1399236483-passalacqua-delusione-scudetto.jpg&size=750x500c0

Vicenza - La Famila Schio è campione d’Italia per la sesta volta nella sua storia, la seconda consecutiva. Al Pala Campagnola le venete superano 68-54 la Passalacqua Ragusa in gara-5, in un match che si era complicato dopo due quarti, ma ripreso con le unghie grazie all’esperienza di una fuoriclasse intramontabile come Laura Macchi. Per la matricola siciliana, invece, sfuma in extremis il sogno tricolore, con il rimpianto maggiore di non aver sfruttato il match point casalingo in gara-4: resta comunque una stagione straordinaria, base di partenza verso un futuro che potrebbe rivelarsi importante.

Nel primo quarto Ragusa domina a rimbalzo ed alla prima sirena è avanti 21-14. Macchi e Honti provano a dare la scossa alle padrone di casa, ma tra le sicule Williams e Malashenko fanno la voce grossa: all’intervallo lungo le ospiti guidano per 33-24.

L’inerzia del match muta completamente nella terza frazione, quando Schio piazza un parziale di 13-2 che ribalta completamente volto all’incontro. Una tripla di Wabara scuote Ragusa, ma sul 41-41 Macchi si inventa una bomba a fil di sirena che profuma di presagio scudetto.

Nell’ultimo quarto Ragusa sembra sulle gambe e le arancioni straripano, con una Macchi stratosferica sia in fase realizzativa che di assist ed i preziosissimi rimbalzi offensivi di Godin. Non c’è più partita, lo scudetto resta in Veneto e Schio, pur soffrendo, si conferma la squadra più forte nel Bel Paese.

Redazione